Conchiglia
MOVIMENTO D'AMORE SAN JUAN DIEGO


Movimento Mondiale fondato da Conchiglia per Volere di Dio il 24 ottobre 2001
dedicato a Maria Santissima Nostra Signora di Guadalupe, La Perfetta,
La Donna vestita di Sole dell'Apocalisse - Messico.
Movimento a difesa della Chiesa Cattolica di Gesù Cristo con a capo il PAPA.
In obbedienza solo nell’insegnamento di Gesù, Figlio di Dio Lui Stesso Dio nel Santo Vangelo.


XVIII Anno del Terzo Millennio dopo Conchiglia

Conchiglia...
ed ecco che Io vengo




VIDEO
testimonianza di JIM CAVIEZEL
    
       www.youtube.com/embed/VogCu3J9x58     




 

La Passione di Gesù
Nuove Rivelazioni date a Conchiglia

 


 


“… Dall’alto della Croce ti ho passato le consegne figlia...
poiché in quest’altra Pienezza dei Tempi
il mondo abbia ad usufruire della Parola di Dio… ”

                                                                     Gesù a Conchiglia - 07 aprile 2005
                                                                     Anniversario della prima Rivelazione data a Conchiglia



“… oggi desidero rivelare al mondo la data della Mia Risurrezione.
Era il giorno nove del quarto mese del vostro calendario
alle ore... tre del mattino.
Sono Risorto al terzo giorno... non dopo tre giorni.
Dalla Mia Morte alla Mia Risurrezione
sono passate trentasei ore del vostro tempo...
e chi ha studiato e può studiare capisca il perché valutando
che nulla ho fatto escludendo Maria... la Santa Madre Mia.
Conchiglia...
raccontiamo attraverso questi scritti
che è stata data un’ora della Mia Morte...
per ogni anno della Mia Vita... vissuta sulla Terra…”

                                                                     Gesù a Conchiglia - 01 gennaio 2002




“… Dall’Unità sei stata chiamata…
per l’Opera più importante del Terzo Millennio…
Millennio che è iniziato con te il « sette aprile dell’anno duemila »…
« dodicesimo anno del terzo millennio dopo Conchiglia »…”

                                                                     Gesù a Conchiglia - 07 aprile 2012
                                                                     Anniversario della prima Rivelazione data a Conchiglia


 




La Passione di Gesù
Nuove Rivelazioni date a Conchiglia


L'Anima mia è triste… è triste fino alla Morte
l'angoscia Mi sprofonda nell'abisso del nulla
dove il vuoto assoluto… fermo… impera.
La solitudine dell'Anima Mia
trafigge il Cuore del Padre… che tutto vede
e immobile sta… e attende.
La Vita… cosa è se non un alito lieve nel vento… tra il vento nascosto?
Un attimo è la Vita sulla Terra… Eterna è la Vita in Dio.
Ma quell'attimo di Vita sulla Terra…
è una struggente nostalgia che più ritornerà e nel « sé » rimane.
L'aurora va apprezzata come l'attimo
l'alba va apprezzata come l'attimo…
poi giunge la sera ed il tempo si ferma e si siede… immobile.
Poeta d'ogni Tempo e d'altri Tempi Sono.
Il Mio Cuore tenero emana Amore verso ogni dove e si espande…
si espande all'infinito valicando e sorvolando perfino l'Increato creato.
Nessun occhio può vedere ciò che Io vedo.
Vedo l'Assoluto di Dio
il Tutto di Dio
l'Immensità di Dio
l'Onnipotenza di Dio
la Magnificenza di Dio.
Ah l'Anima…
che grande Mistero è l'Anima.
L'Anima è l'Essenza di Dio.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


I carnefici stavano arrivando ed Io sentivo i loro passi Conchiglia.
Il dolore dello Spirito era talmente grande
che il Mio Corpo fremeva e sudava Sangue.
Tutto il Mio Essere era proteso verso il Padre
per fare la Sua Divina Volontà a favore di tutto il genere umano.
Sentivo il rumore delle lance…
che i soldati poggiavano ritmicamente per terra
durante il percorso che li avvicinava sempre di più a Me.
Vedevo già su di loro i ghigni orrendi…
che satana aveva stampato sui loro volti.
E venne il momento della cattura figlia…
e della flagellazione figlia
e del dolore fisico figlia
e di quello morale che cresceva figlia.
E Mi percuotevano senza pietà
in ogni parte del Mio candido e verginale Corpo.
Senza pietà… figlia.
Quanto Sangue colava a terra Conchiglia.
Quel Sangue che ancora oggi vi è indispensabile…
e lo sarà fino all'ultimo istante per la salvezza dell'umanità.
Riflettete sui Miei dolori figli…
poiché anche se in questo Avvento Mi attendete Bambino
dovete ricordare che sono venuto al mondo sì come Bambino…
ma per morire come Uomo e risorgere come Dio.
Ma figli… prima della Risurrezione ho subito il martirio più atroce
che nessun essere vivente ha mai vissuto come uomo.
In questo momento Conchiglia…
odo ancora il suono sinistro e ritmato dei tamburi
che accompagnavano il macabro rito.
Ma ora basta Conchiglia…
rasserena il tuo cuore a pensarMi Bambino.
Un Bambino tenero e dolce che si lascia cullare dalla sua mamma
e da voi tutti che Lo amate.
TieniMi stretto e non lasciarMi mai Conchiglia poiché tanto Io ti amo.
La Mia vicinanza ti sosterrà Conchiglia…
ed Io sarò per te Bambino o Uomo a seconda del tuo stato d'animo
perché per Me il tempo non esiste.
Sono Gesù… il tuo Dio d'Amore che ti ama d'immenso…
ed ama tutti i Suoi figli e fratelli.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.


Le novità che vado a raccontarti a poco a poco
ti sconvolgeranno la mente e il cuore Conchiglia
poiché l'inaudito diventa possibile solo perché tutto è possibile a Dio.
La riscossa dell'uomo santo che avevo destinato a vivere
nel Paradiso Terrestre sta per realizzarsi
e quell'uomo è quasi pronto alla rinascita in spirito
per essere conforme alla Volontà del Padre.
Conchiglia…
la strada da fare è quella che hanno intrapreso gli arditi…
quelli che indomiti sono andati avanti per la loro strada
incuranti di ogni tipo di difficoltà
certi che avrebbero superato ogni cosa.
È vero… la strada ad un tratto si divide
e l'uomo è costretto a prendere una delle due vie per proseguire…
badando bene a prendere la via giusta…
quella che pur essendo la più difficile e scomoda
porta dritta al Padre.
Oh Conchiglia… Io Sono qui
sono Gesù che dalla Trinità ti parla
per dimostrare al mondo più che a te… poiché sono in te…
che Io opero in continuo per procurare la salvezza dell'uomo…
quell'uomo stolto e malvagio
che ha permesso al maledetto di umiliarMi… e a che modo.
Conchiglia…
l'amore che provi per gli uomini tutti
è amore pulito e disinteressato poiché solo quel tipo di amore
può essere gradito a Dio… Mio e vostro Padre.
Le soluzioni son tante ma in questo momento una sola è quella giusta…
quella che bisognerà prendere per salvare tanti fratelli.
La via è quella del Calvario e della Croce
ma prima di ciò bisogna… poiché è doveroso…
percorrere le tappe che portano ad essa.
Ed ecco allora l'ora del Getsemani
dove l'orrore che vedevo davanti agli occhi ha provocato sudore di sangue.
L'orrore che provavo nello spirito è rappresentato dalla coronazione di spine
e l'orrore che ho provato nella flagellazione che l'ha preceduta
è quella della carne che voi Mi martoriate ancora
attraverso i vostri sporchi vizi e le torture corporali
che infliggete ai vostri fratelli.
È duro figlia Mia il percorso che hai davanti a te
ma con l'amore che hai nel cuore che ti ho infuso
supererai prove su prove
poiché sono proprio quelle che vinte una volta per tutte
daranno Gloria all'Infinito Creatore.
Io Gesù… Io Dio… Io l'Amore…
parlo ancora a tutti i cuori all'ascolto di Me.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


 

Conchiglia... cari figli...
quel momento atroce e forte lo passate anche voi ogni momento...
ma il Mio momento è stato Unico e tremendo
poiché raccoglieva tutto il dolore che si possa immaginare sul Mio capo.
O Conchiglia...
quelle spine le ho viste avvicinarsi a Me
e nulla potevo fare e volevo fare… per evitare quel tormento.
La prima spina si è conficcata sulla fronte
e poi via... via... hanno spinto tutt'attorno.
Quanto sangue... Mia Conchiglia è colato fino a terra.
Gocce grosse... rosse e dense Mi coprivano la faccia.
Ogni spina entrata in Me...
rappresenta ogni peccato di ingiustizia e di superbia
di poca umiltà e di menzogne
e tutto ciò che di peccato attraversa la vostra mente.
Figli stolti ma che fate?
Non vedete quante spine ancor Mi conficcate?
Non capite quanto soffro a subir gli oltraggi vostri?
Come loro in quel tempo voi Mi deridete.
Pazzo sono... dite voi
e allora ecco... che Mi coprite con il mantello dei pazzi.
Re Sono... dite voi
e allora ecco... una canna come scettro
e la corona spinge a fondo gli aghi duri fino a dentro il Mio cervello.
Lancinanti quei dolori... voi figlioli non capite...
il grande Mio supplizio che per voi ho dovuto patire.
Purtroppo ancor patisco assai... per tutte le mancanze vostre.
State accorti figli Miei...
poiché il Padre non accetta oltre.
Più si tocca il Figlio Suo con ingiurie e cattiverie.
Chi vivrà nella Nuova Era... Lo amerà in eterno.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


 

Devi sapere Conchiglia…
che le Mie Parole sono come lama affilata
che penetra nelle carni di chi Mi ascolta.
Già una volta l'ho detto figlia Mia…
la lama… quando entra in chi Mi ama e Mi segue incide e guarisce.
Mentre invece…
quando entra in chi non Mi ama e non Mi segue… ferisce.
E siccome tu… come Mio strumento d'amore
porgi al mondo le Mie Parole che sono come lama affilata…
tu… sarai il loro capro espiatorio
poiché agli occhi del mondo non potranno far vedere espressamente
scandalizzando i figli Miei che vanno contro Dio e la Sua Parola.
E allora metteranno in dubbio te e ciò che porgi al mondo.
Eh… sì… Mia Conchiglia…
satana sta lavorando molto bene poiché ha molta presa su di loro.
Ormai lui è di casa in quei lunghi corridoi luccicanti in Vaticano
che nulla hanno a che fare…
confrontati ai viottoli e alle vie che percorrevo in Palestina.
I ciottoli che erano a terra spesso ferivano i Miei piedi
e allora dovevo fasciarli con bende per poter percorrere tutta la strada
che congiungeva un Paese ad un altro Paese.
La Palestina era terra di tutti.
Era terra dei figli di Dio che non hanno riconosciuto Dio…
il loro Dio d'Amore.
Ma sappiate figli… che loro rispetto a voi che vivete questi Tempi
sono stati anche scusati per certe loro colpe…
poiché gli eventi nuovi e santi venivano osteggiati dal nemico maledetto
e loro in fondo… erano disorientati.
Mentre voi oggi non avete attenuanti
poiché avete prove su prove del vostro Dio… che Io sono…
che è morto per tutti sulla Croce.
Ma oggi come allora… i farisei e i sinedristi
guardano alla Mia Croce come alla liberazione.
Ma non… figli Miei… alla Liberazione che Io intendo
e cioè quella del mondo e dal peccato… ma alla loro liberazione.
Sì… poiché essendo un Dio morto sulla Croce…
non posso… secondo loro… non nuocere più loro.
E allora pensano come satana fa loro pensare…
e cioè che Gesù è morto e non è Risuscitato… il Suo Corpo è stato trafugato.
Purtroppo ciò che dico fa inorridire chi ora legge
ma in verità vi dico…
che tra i Miei figli Sacerdoti buoni… e sono molti
si nascondono Sacerdoti iniqui introdotti tra le file
per portar scompiglio e confusione… e sono tanti.
Sono talmente tanti che stanno offuscando
con il loro comportamento e con il loro insegnamento nei Seminari
il vero volto della Chiesa e il vero volto di Maria la Madre Mia.
Io… Gesù… che dalla Trinità ti parlo ho il Cuore sanguinante
a causa dei Miei figli traditori che tuttora continuano indisturbati
a reggere le fila del Potere e del Comando.
Loro dicono:
noi diamo consigli evangelici
in realtà loro dicono:
ciò che diciamo è Parola di Dio e perciò Santa.
No… figli. La Parola di Dio è quella scritta sul Sacro Libro
e non è quella che esce dalle loro bocche.
Il più delle volte riescono a farcire i loro discorsi
come fossero dei dolci da presentare e li ricoprono con panna.
Ma non è così figli.
La Mia Parola non è un dolce… anzi…
spesso è Parola amara poiché mette in risalto
una verità che a voi sta stretta e scomoda e vi lascia tanto amaro in bocca.
Conchiglia…
desidero dire attraverso di te che la medicina è sempre amara… ma guarisce.
Mentre le loro parole a volte melliflue e piene di misericordia…
privano chi ascolta… del seguito del discorso che a volte è lacunoso…
quando si tratta di parlare della Mia Giustizia.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


 

Il calvario è faticoso e molto doloroso figli.
Il calvario è anche ignominioso.
Nessuno tra i figli del mondo desidera in sé il calvario se non Sono Io…
a suscitare desideri di compartecipazione al Mio dolore.
Il Mio dolore va rispettato figli.
Il Mio dolore persisterà fintanto i figli Miei e Miei Fratelli
peccheranno contro Dio e contro se stessi… oltre che contro il mondo.
Il dolore Mio comprende anche il vostro dolore
sì… poiché quando voi soffrite Io soffro con voi
e quando permetto che voi affrontiate prove su prove
è perché desidero rendervi partecipi della Mia Gloria.
Ma come è la Gloria di Dio ai vostri occhi?
È una rivincita sul male?
No figli.
Dio non si prende rivincite.
Dio ama e basta.
E amare significa attraversare il purgatorio anche sulla Terra
nelle sofferenze che sono permesse.
La sofferenza è un tesoro figli.
Senza la sofferenza terrena non si può accedere alla Gioia dei Cieli
ed essere al cospetto di Dio nella Gloria.
La sofferenza fa parte del companatico che va inserita tra due parti
e una parte è l’amore... e l’altra parte è il dolore.
Ecco: tra l’amore e il dolore c’è la sofferenza
e questa ha accompagnato la vita di tutti e ripeto tutti i figli di Dio
che cercano come possono di seguire la Volontà di Dio.
Non c’è limite alla sofferenza se non sono Io che limito la sofferenza
e questo è valido per tutti voi.
In quanto a te Conchiglia...
sai bene che più grande è l’incarico che Dio dà ai Suoi figli
e più grande è la sofferenza rispetto ad altri figli.
Come puoi ben vedere…
i Santi che Mi sono stati servitori fedeli lo sono stati fino alla morte
poiché la sofferenza porta anche alla morte corporale.
Ma la sofferenza figlia... svanisce nell’istante in cui l’Anima si eleva
fuoriuscendo dalle spoglie mortali
ed essa… elevandosi verso il Cielo…
non ricorda neanche più che cosa sia la sofferenza propria.
In quell’istante… l’Anima in grazia di Dio…
percepisce solo la gioia immensa che le è data da Dio.
Conchiglia...
che la tua sofferenza divenga accettazione di ogni avversità
poiché ne hai e ne avrai proprio tante.
Io ti benedico
nel Nome del Padre
della Madre
del Figlio
e dello Spirito Santo.
Amen.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 

Elevarsi verso Dio significa...
aspirare alle cose che appartengono alla sfera spirituale.
La sfera spirituale è come uno scrigno prezioso ma invisibile all’uomo
dove l’interiorità di ognuno è visibile solo all’Occhio di Dio.
L’uomo che desidera elevarsi spiritualmente...
mai potrà accordarsi per via con chi desidera elevarsi materialmente.
L’uomo che desidera elevarsi materialmente...
tutto fa e farà per la propria sicurezza materiale
ed il suo benessere sarà conforme a ciò che possiede.
Ogni bene materiale sulla Terra di cui l’uomo non riesce a fare a meno...
rappresenta un peso che tiene ben ancorato alla terra l’uomo
che così appesantito dai vari beni materiali a cui tanto tiene...
mai potrà elevarsi spiritualmente verso Dio.
Per questo « i figli di Dio » che voi chiamate Santi...
sulla Terra si sono privati di ogni bene materiale
spogliando se stessi da ogni peso.
La spiritualità dell’uomo
non consiste nel conoscere le cose di Dio e del mondo
ma consiste nel mettere in pratica tutte le virtù
che Io Gesù ho insegnato e insegno ancora.
Conchiglia...
la fase difficile che ogni uomo deve affrontare
giunge sempre all’improvviso e quando meno se lo aspetta.
In quanto a te figlia... da tempo ti prepariamo ad affrontare le difficoltà.
Non ti è stato detto che anche tu saresti stata crocifissa?
Anche tu sei qui « come segno di contraddizione »
e a seconda dei loro comportamenti...
nel Mio Giudizio troveranno la rovina…
o la Salvezza eterna.
Tutto è permesso dall’Alto Conchiglia.
I cuori di molti figli si sveleranno poco a poco.
Non era stato detto che quelli più vicino a te ti avrebbero procurato ostacoli e sofferenze?
Tutto ciò che ti è stato detto si sta avverando a conferma delle Nostre Parole
mostrandoti la stoltezza e la debolezza dell’uomo
che consapevolmente non vuol riconoscere i propri errori
per non volersi vedere come realmente è:
misero e bisognoso di aiuto.
Ama Conchiglia.
Ama oltre misura fino alla morte di te stessa nel cuore.
Ama pensando al Mio Amore per tutti
che è stato accolto solo da « molti » e non da tutti i figli
per i quali Mi sono immolato.
ImitaMi nell’accettazione...
delle offese
delle calunnie
delle ingiustizie
dei tradimenti...
e pensa che quello che stanno facendo a te...
lo hanno già fatto a Me.
Il calvario... la crocifissione e la morte è la sorte dei « i figli di Dio »
ma poi giungerà il momento della risurrezione
e sotto lo sguardo stupefatto e smarrito dei servitori di satana
La Gloria di Dio si manifesterà nell’uomo vivente.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 

 

Cogli l'attimo ideale per parlare con Me Conchiglia.
ParlaMi d'amore... stammi vicino...
consola il Mio Cuore che è sofferente per mancanza d'amore.
Ah come ho sete Conchiglia...
Sono assetato delle Anime vostre oggi... come allora.
Oh Anime Mie...
perché percorrete la strada della perdizione eterna?
Sono qui a parlarvi poiché vi amo
e ascolto ogni cosa che vi passa nella mente... o avete nel cuore...
o pronunciate con le labbra.
Quindi figli... attenti ad avere sempre pensieri puliti.
Pulite la vostra mente come se fosse la casa in cui abitate.
Voi godete... quando vivete in un ambiente pulito e accogliente
e vi riposate anche lo sguardo nell'ordine di ogni cosa.
Così faccio Io bambini Miei...
il vostro corpo è Mio tempio... ed Io soffro quando attorno a Me
vedo tutto sporco e in disordine.
È per questo che non dovete curare solo la parte esteriore di voi
ma anche la parte interiore.
Allora si... che sono felice e godo nello stare in voi e con voi.
Conchiglia...
dì a tutti i Miei figli che il tempo che viene è tempo di pulizie interiori.
Preparate fin da ora le stanze del vostro Re d'Amore che torna.
Non lasciatevi andare proprio ora...
che abbiamo fatto assieme un importante tratto di strada.
Io sono accanto a voi... siatene certi...
anche se non Mi vedete con gli occhi.
Conchiglia...
il tempo passato porta molti ricordi dolorosi per molti Miei figli...
te compresa.
Ma guardate... ai Miei dolori.
Guardate com'era il Mio Corpo Santo... appeso sulla Croce.
Appeso... come un animale da squartare.
Appeso... come uno straccio sporco da buttare.
Appeso... come un essere immondo.
Appeso... per voi tutti per l'orrore di molti.
Appeso... per morire affinché vi guadagnassi la vita.
Vedi cosa ha permesso il Padre Mio per voi tutti.
Io che ero... e sono... e sempre sarò il Figlio Suo... Io stesso Dio...
trattato da animale calpestato... per salvarvi tutti.
Non rendete vano quel grande Sacrificio d'Amore.
Se scegliete il peccato deliberatamente...
non potrò fare niente contro la vostra volontà.
Non potrò salvarvi senza il vostro consenso.
Oh figli... non lasciateMi appeso ancora una volta alla Croce...
non fateMi morire di nuovo ad ogni vostro peccato.
Unitevi invece... e implorate Dio Padre che sempre perdona.
Unitevi e pregate convinti che ascoltiamo ogni supplica vostra.
Unitevi e chiamate in soccorso gli Angeli e i Santi.
Unitevi e avvicinatevi un poco alla Mia Croce Santa.
AiutateMi vi prego... togliete i Miei chiodi.
Liberate le Mie mani e i Miei piedi.
DeponeteMi a terra con delicatezza...
per non far sobbalzare il Cuore di Mia Madre.
Curate le Mie ferite e baciatele con amore...
poiché tanta è la Mia sofferenza.
CoccolateMi... consolateMi...
come fareste ad un bimbo o ad una persona amata.
Se fate ciò ad uno come voi...
tanto più fatelo per il vostro Dio d'Amore.
Lasciatevi guardare dai Miei Occhi tumefatti...
che hanno versato lacrime e Sangue.
Lacrime e Sangue... causate dal dolore del Mio Corpo straziato
e lacrime e Sangue... causate dal Mio Spirito agonizzante
nel vedere vano il Mio Sacrificio... per molti di voi.
Più che dare la Mia Vita... che altro dovevo fare?
Ho camminato… ho predicato… ho insegnato
ho miracolato e guarito molti figli
ho pregato il Padre Mio di perdonarvi
ho immolato assieme a Me la Madre Mia Maria.
Che altro dovevo fare per convincervi
che il Mio Amore è per tutti voi sconfinato?
Vi prego bambini Miei...
vi prego fratelli Miei lasciatevi amare a Mio modo.
LasciateMi un piccolo spazio nel vostro cuore
ed Io farò l'ultimo grande miracolo...
vi instillerò per Me... l'amore.
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


 

Sarò Io ad aprire la porta del tuo cuore Conchiglia.
Rispetterò il tuo pudore che tanto Mi piace.
La gente figlia a volte è troppo curiosa e allora…
a volte è più saggio evitare che qualcuno si accorga delle tue lacrime.
Lacrime di sofferenza interiore che mai capiranno
poiché a loro non è dato sapere.
Pensavi che il dolore maggiore
fosse accompagnato da pianti e lacrime sincere?
Sì è vero… è dolore. È dolore davvero grande.
Ma sai quale dolore è superiore a questo?
Il dolore silenzioso che nessuno sente e nessuno vede
fatto di spasmi… di sospiri… e lamenti del cuore
affinché attraverso tale dolore si salvino Anime e Anime.
Infatti Io stesso… il Dio che sono… ho salvato l'umanità.
Che forse ho gridato in continuo il Mio dolore?
È vero ho gridato… ma non ho gridato in continuo.
Quella manifestazione di dolore espressa attraverso il grido
è prettamente umana poiché sono anche Uomo…
ma poi è subentrato Dio che nel silenzio ha sofferto come Dio
e come Uomo è morto sulla Croce.
Sofferenza immensa e inaudita
poiché non riconosciuta ed ascoltata da nessun orecchio.
Vedi figlia…
trattenere grida di dolore è più difficile di quanto si possa immaginare.
Ecco… a te è chiesto anche questo…
e cioè trattenere ogni manifestazione che faccia riconoscere il tuo dolore.
Sì figlia Mia… trattieni ancora quel lamento.
Dì al tuo cuore di restare ancora calmo
poiché la notte ti sarà compagna nel dolore che ti aspetta e che ti spetta.
E accanto alle tue lacrime metto anche quelle Mie
che sono lacrime di Sangue versate per il mondo…
quel mondo che ancora e ancora Mi oltraggia e Mi infanga.
Sì figlia… sono lacrime di Sangue
che purificano e leniscono le ferite del cuore degli uomini
poiché quelle sono le ferite più dolorose.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


Grazie Conchiglia... per essere ancora Qui.
Ora... sono inchiodato al Legno che i soldati Mi hanno imposto.
Conchiglia... ecco...
i chiodi hanno fatto il loro lavoro da chiodi
e cioè... hanno perforato le Mie Mani e i Miei Piedi.
Quanto Sangue Conchiglia.
Esso scende a fiotti copiosi lungo tutto il Corpo
che quasi non si riconosce più il colore candido della Mia Pelle.
Il Sangue...
cola dal Mio Capo coronato di spine e scende sul Mio Volto Santo.
Mi copre gli Occhi... il Naso... la Bocca...
tanto che non riesco... a causa di questo... a respirare...
dalle Mani poi... il Sangue cola a terra.
O quanto Sangue... Conchiglia.
Come può ancora non capire... l'Uomo Mio...
che quel Sangue versato è Linfa Vitale... è Linfa d'Amore?
Ecco... tutti quelli che sono attorno Mi vedono soffrire
vedono il Mio Corpo che spasima ogni secondo
vedono il dolore stampato sul Mio Viso e...
vedono che un Uomo inerme... sta morendo.
O Conchiglia...
come fare a descrivere ancora... tutto quello che ho provato?
È impossibile all'uomo... a qualsiasi uomo...
comprendere i Dolori di un Uomo sulla Croce.
Dolori che erano sia corporali che spirituali poiché...
dove sono i Miei amici?
Quelli che Mi seguivano fedeli ogni giorno
e hanno vissuto con Me... mangiato con Me...
ed hanno assistito ai Miei prodigi di guarigione... e altri ancora?
Dove sono andati i Miei Testimoni?
Sono rimasto solo...
tutti si sono spaventati... e Mi hanno abbandonato.
Ma Mia Madre era là... Giovanni era là... la Maddalena era là...
gli unici... che hanno avuto il coraggio di assistere
e vivere fino in fondo... ogni attimo della Mia Sofferenza.
Sì... Conchiglia...
poiché quando si ama davvero... e ripeto davvero
si desidera stare accanto alla persona amata...
in ogni momento... in ogni circostanza.
È proprio nel momento del dolore
che l'amore si manifesta completamente...
partecipando al dolore dell'altro.
Conchiglia...
sono state le Mie piccole ma grandi consolazioni
le Lacrime di Mia Madre... di Giovanni... e Maddalena.
Pensa... Conchiglia...
che loro... cercavano di nascondere le loro Lacrime
ma Io le vedevo... e non solo...
le sentivo sulla Mia Pelle a rinfrescare quel tormento
che le Carni brucianti e lacerate... Mi procuravano.
Conchiglia...
ero rimasto solo Quel Giorno.
Ma come già ti ho detto... ho visto tutti voi.
Mio Padre Mi ha dato la Grazia
di vedere tutti quelli che Mi stavano aspettando.
Eravate tutti lì... sotto alla Mia Croce.
Sì... Conchiglia...
poiché l'ho detto... per Me il tempo non ha tempo.
Ogni Mio spasimo...
era una moltitudine di uomini e donne che si salvavano
e ogni goccia del Mio Sangue...
calmava la vostra sete... d'Amore.
Conchiglia... Conchiglia... quante cose vorrei dirti.
Molte cose te le ho già dettate in altri Scritti... ma sono stanco.
Comincia a girarMi la Testa...
il Sangue che fuoriesce Mi svuota... nel Corpo e nei Sensi...
a volte Mi si appanna la Vista...
sento che il Mio Corpo non risponde ai Miei comandi...
sono stanco Conchiglia... tanto stanco... e sto morendo...
tra poche ore tutto sarà compiuto... come sta scritto nel Sacro Libro.
Ogni cosa si è adempiuta... detta dai Profeti di ieri
e ogni cosa si adempierà... detta dai Profeti di oggi.
Lo so... siete bistrattati e calunniati
ma non badate alla gente insipiente...
voi state lavorando per Dio e non sarete certo osannati
anzi... faranno a voi peggio di ciò che hanno fatto a Me.
Dico peggio... poiché la vostra debolezza la conosco
poiché in quanto al peggio... quello vero...
solo a Me è stato fatto ciò che di più inumano potevano fare.
L'inferno intero si era mobilitato e scagliato contro di Me
attraverso le persone che Mi erano dattorno.
Conchiglia...
Io... Gesù... che dalla Trinità ti parlo
ti ho voluta accanto a Me anche in questo giorno.
L'ho detto...
solo gli amici intimi hanno partecipato e partecipano
dei Miei Atti... dei Miei Dolori... e delle Mie Gioie.
Prega... Conchiglia... pregate... figli Miei.
Oggi si compie un Omicidio Perfetto... poiché Perfetto è Dio.
Voglio dire a quel Mio figlio...
che lo amo e lo proteggo da ogni male.
Pregate e invocateMi in continuo...
perché molto può fare la preghiera vostra per salvare altre Anime.
Io vi benedico figli...
attendete la Mia Morte e la Mia Risurrezione
nel Nome del Padre
della Madre
del Figlio
e dello Spirito Santo.
Amen.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.



Abbandonati a Me Conchiglia.
Lascia che Io prenda il tuo cuore tra le Mie mani e lo accarezzi piano.
Lascia poi che Io lo apra affinché chi voglio possa vederci dentro.
Farò piano figlia... ma pur con tutta la delicatezza possibile...
proverai dolore... tanto dolore.
Aprendoti il cuore esso sanguinerà tanto a causa dell'amore che ti ho tolto.
Conchiglia...
ho dovuto farti provare tanto dolore per far comprendere un poco...
il dolore di Mia Madre ogni volta che si separava da Me.
Ogni volta che Mi allontanavo da Lei per andare tra i Miei figli e fratelli...
Ci guardavamo negli occhi senza parlare.
Erano i Nostri Cuori che parlavano tra Loro...
palpitavano all'Unisono...
si accarezzavano piano... si guardavano a vicenda
e sanguinavano assieme.
Tutto questo nel silenzio... senza parola proferire.
Solo gemiti del Cuore inesprimibili e muti
poiché l'Un l'Altra...
non volevamo mostrare il Nostro dolore per non ferirCi
tanto era l'Amore che Ci avvolgeva.
Le Nostre mani si incrociavano tra loro
negli abbracci affettuosi e amorevoli
e le carezze scambievoli procuravano gioia ai Nostri Cuori.
Conchiglia...
è davvero indescrivibile il dolore che la Mia Santa Madre
provava ogni volta che Mi allontanavo da Lei
poiché conosceva la Mia Missione.
Ora prova solo ad immaginare quanto dolore
e quanta mestizia Lei ha provato
nell'attesa del giorno del sabato... prima della Mia Risurrezione.
Tanto era il dolore.
L'angoscia l'attanagliava.
Le lacrime le avevano bruciato la delicata pelle del viso
tanto erano cocenti e copiose.
Ma la certezza di rivederMi sopra ad ogni umana speranza...
la teneva sveglia e in vita anche se il Suo respiro era diventato impercettibile
a causa del Suo fare attento... per non far rumore.
Ella neanche respirava quasi…
per cogliere l'attimo in cui Mi avrebbe rivisto.
Conchiglia...
nonostante i Nostri Cuori...
uniti nel progetto della Redenzione…
Lei rimaneva Madre del Suo Figlio Morto sulla Croce
ed il Suo dolore di Madre può comprenderlo solo una madre alla quale le è stato tolto un figlio.
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


 

Milletrecentoventicinque... milletrecentosessantadue...
in questo periodo la Gloria di Dio nei cuori di molti figli
si assopì in modo particolare
lasciando spazio al nemico di Dio
di intraprendere la battaglia più mercenaria.
In questo periodo gli animi si spensero.
Il buio prese il sopravvento sulla carità e l'uomo neanche si accorse
di aver cambiato il corso degli eventi della storia dell'Umanità.
Ma Io Gesù... il Cristo Risorto dico:
uomini... figli Miei... fratelli Miei..
la Mia Luce sfolgorante la vedrete da ogni angolo della Terra
poiché tale è la Mia Energia Vitale Infinita...
da abbagliare l'Universo intero
con tutte le Galassie e i loro universi interiori.
La Luce del Mondo che Io Sono
ha vinto le tenebre ha vinto il male per sempre...
per far sì che i figli di Dio e solamente quelli…
potessero ritornare mondi e pentiti alla Casa del Padre.
Ah... la Casa del Padre.
Ve la siete mai immaginata la Casa del Padre?
Ogni stanza sta a rappresentare un mondo.
Un mondo tutto da esplorare e governare
con sapienza... intelletto e amore.
Non avevo forse detto che sarei salito al Padre a prepararvi un posto?
Ebbene nei Cieli esiste un posto per ciascuno di voi.
Un mondo tutto vostro... per ciascuno di voi figli che Mi amate
e al momento stabilito dal Padre
vi saranno date le chiavi della scienza per comprendere ogni cosa
affinché il Magnificat trionfi in ogni sua parte:
« ... ha rovesciato i potenti dai troni… ha innalzato gli umili... »
significa che chi oggi ha in mano il potere in ogni campo
sia sociale che clericale e lo usa impropriamente...
sarà detronizzato
ed il potere di governare sarà dato ai figli di Dio
quelli che Lo amano e Lo servono in purità di cuore
e che saranno capaci di istruire le genti
affinché Dio sia veramente conosciuto e veramente amato.
Sì... poiché solo se si conosce Dio si può amarLo
e comprendere il valore della Sua Morte passata attraverso la Croce
ed il valore della Sua Risurrezione.
Cari figli e fratelli Miei...
siate gioiosi in questo giorno non rattristatevi per le vostre croci.
Per quanto pesanti siano esse saranno deposte
e voi sarete glorificati nel corpo e nello spirito come Me
e la vostra Anima emanerà luce dal di dentro e sarà visibile all'esterno.
E sarete Dei in Me... poiché provenienti da Me… e fate parte di Me
poiché la vostra Anima non è altro che Energia Pura scaturita da Dio
e ogni Anima ha la facoltà di decidere liberamente
al termine della propria vita terrena...
di ritornare a Dio oppure no.
Io Gesù... Io Dio... Io il Risorto... vi ho aperto le Porte dei Cieli
che sono ancora invisibili ai vostri occhi
ma dalle quali vedrete discendere gli Angeli e i Santi
per la realizzazione dell'Unione tra il Cielo e la Terra.
Conchiglia...
Io Gesù... che dalla Trinità ti parlo ti dico:
grida al mondo che sto arrivando.
Dì anche…
che desidero trovare i Miei figli e fratelli pronti
poiché se non saranno pronti...
non ci sarà tempo di aspettarli ulteriormente
e sono già trascorsi più di duemila anni.
Dì anche che le meraviglie preparate per loro...
ripagheranno in larga misura ogni loro sofferenza
e che vivranno realmente e veramente...
sulla Nuova Terra Rinnovata.
Ecco... Io Il Risorto... sto camminando tra di voi
ma come i discepoli di Emmaus...
Mi riconoscerete solo allo spezzar del pane.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.

 


 

GUARDAMI CONCHIGLIA... GUARDAMI.
SONO QUI SULLA CROCE E DA QUASSÙ TUTTI VI GUARDO.
Vi abbraccio con lo Sguardo solamente
poiché le Mie Mani son prigioniere...
dei peccati e delle ingiustizie vostre.
Guardami ancora... cosa vedi?
Vedi un Uomo che rivolge il suo sguardo sul mondo
poiché è il vostro mondo che vuole salvare.
Guardami ancora Conchiglia... cosa vedi?
Vedi il costato trapassato dal lato destro
dove Sangue ed Acqua sono scaturiti per lavarvi
con l'Amore che ho nel Cuore.
Guardami ancora Conchiglia... cosa vedi?
Vedi un Uomo inerte tra gli spasmi
che si contorce per il gran dolore.
Guardami ancora Conchiglia... cosa vedi?
Vedi la Mia Spalla lacerata fino all'Osso
con la Carne mista a Sangue raggrumato
ove la Croce ha strisciato orrendamente.
Guardami ancora Conchiglia... cosa vedi?
Le Ginocchia sono ferite dappertutto
poiché rappresentano la vostra poca volontà nel resistere al peccato.
Conchiglia... guarda ancora... cosa vedi?
I Miei Occhi gonfi e rossi...
bruciati dalla polvere... dall'aria e dal sole
ma soprattutto dalle lacrime amare che ho versato per voi poiché vi amo.
Guardami ancora Conchiglia... cosa vedi?
Il Mio Volto tumefatto per le botte e i colpi avuti senza alcun ritegno
per sfigurare un Uomo Giusto che voleva insegnare al mondo
la Via... per andare al Paradiso.
Guardami ancora Conchiglia... cosa vedi?
Lo strazio di Mia Madre... di Giovanni e Maddalena
Gli unici rimasti a raccogliere quel Sangue
e a consolarmi nel momento della morte.
Guarda ancora Conchiglia... cosa vedi?
Gente astuta... furba e sciocca
che non ha compreso il vero e unico amore che portavo
per prediligere un popolo che non Mi ha riconosciuto
e che ancor oggi... paga le colpe del passato.
Guarda ancora Conchiglia... cosa vedi?
Un cielo nero... gonfio di commozione pel suo Dio
Che piange con la pioggia che cade sulla Terra...
Come a lavar le tracce del vostro tradimento.
Guarda ancora Conchiglia... cosa vedi?
Perfino il Sole si nasconde a tale vista
Poiché il suo Dio d'Amore sta morendo...
E vuol nascondere al Mondo il Suo ultimo Lamento.
Guarda ancora Conchiglia... cosa vedi?
anche la Terra trema a tale orrore
sì poiché la Natura tutta... non ha accettato il vostro disonore.
Conchiglia... dì a tutti di venirmi incontro
poiché come vedi... le Mie gambe non sono libere
di andare dove ho fatto tanto bene ai Miei fratelli.
O Conchiglia... accarezza ora i Miei Piedi
come vedi... sono inchiodati a questa Croce...
come a fermarsi per non poter andare
dove vorrebbero redimere e perdonare...
ma siete voi che avete impedito ai Miei Santi Piedi
di compiere ancora Bene in tutto il Mondo.
Farisei che non siete altro.
Neanche vi voltate a vedere Me...
straziato e Morto sulla Croce.
Ora state raccogliendo il risultato
di un omicidio santo perpetrato al vostro Dio.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.



Conchiglia... vogliamo parlare un po' di Dio?
Non stupire e non temere... non voglio metterti in difficoltà...
sento che tremi nel cuore.
Tu dici:
« Come si fa a parlare di Dio senza timore santo? »
È vero. Hai detto giusto. Ma Sono Io che parlo.
Sono Gesù... innamorato di te e attraverso di te Mi scopro al mondo...
affinché al Mio Ritorno sappiano riconoscerMi
un po' come è accaduto ai discepoli di Emmaus.
Con loro... ho camminato per via
con loro... ho parlato anche di Me
con loro... ho poi mangiato e bevuto...
ma Mi hanno riconosciuto solo allo spezzar del pane.
Perché?
Perché avevano sentito parlare di questo fatto dai Miei Apostoli.
Ora accadrà la stessa cosa...  sì poiché sono Vivo... sono Risorto.
E oggi come allora... come Dio Risorto... rifaccio le stesse cose.
Camminerò con voi per via
parlerò con voi di tutto e di Me
mangerò alle vostre tavole e allora... Mi riconoscerete.
Come?
Allo spezzar del pane?
Anche la Mia Parola... è pane.
È pane di vita.
È Parola Eucaristica... l'ho detto.
Sì... dalle Parole che dirò Mi riconoscerete
perché ricorderete di averle udite...
leggendo queste Parole dettate alla Conchiglia e ad altri figli scelti.
E allora... anche voi... quando Mi sarò allontanato direte:
« Ma non ci batteva forse il cuore... quando parlava? »
Figli... figli...
non vi batte forse il cuore anche in questo momento che Mi leggete?
Se vi batte il cuore... è perché vi trasmetto l'Amore.
E come una « conchiglia » vi porta il rumore dolce del mare...
un'altra « Conchiglia » vi porta il suono dolce delle Mie Parole.
Vi benedico figli. Vi amo figli.
AttendeteMi con gioia.
Arrivo con Mia Madre la Vergine Maria.
Nel Nome del Padre
della Madre...
del Figlio...
e dello Spirito Santo.
Amen.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


 


Sono qui Conchiglia…
e ti guardo e ti amo… e ti parlo.
Sono qui figli e fratelli Miei…
ed oggi più di ieri soffro per la vostra condizione umana.
Dall’alto della Croce che gronda ancora del Mio Sangue
e gronda del sangue di tanti Miei figli e fratelli nel Mondo…
vi guardo uno ad uno e il Mio Sguardo arriva lontano
in ogni luogo… anche il più sperduto ed inesplorato.
Il Mio Sguardo accarezza ogni cosa ed ogni creatura…
accarezza ogni fiume… ogni valle… ogni monte…
ogni mare… ogni filo d’erba e zolla di terra.
Sì… il Mio Sguardo abbraccia tutto il Creato
ma è la Terra che ho accolto nel Mio Cuore con più tenerezza
poiché è in grande pericolo assieme a tutti suoi abitanti.
Il Mio Sguardo è importante…
è importante poiché è l’unica cosa che posso gestire
prima di salutarvi ed andarmene abbracciato dalla Morte.
Inchiodato come sono nella Carne…
la Mia immobilità è estrema e reale.
Come Vero Uomo non posso muovermi…
sto agonizzando e sto morendo
ma come Vero Dio…
il Mio Cuore… la Mia Mente… la Mia Volontà
il Mio Amore ed il Mio Sguardo…
sono Preziosità che nessuno può toccare o fermare o impadronirsene.
È proprio attraverso ciò che vi tengo stretti a Me
e vi mostro la Regalità Divina.
Sì… ve la mostro attraverso la Mia Persona sofferente
che tutto ha accettato e accetta per amore vostro…
per salvarvi… per darvi esempio…
per sostenervi ed esservi sempre accanto
nel momento di vostra maggior debolezza e sofferenza
poiché solo chi conosce la sofferenza può comprendere chi soffre.
Figli e fratelli Miei…
cosa vorreste sentirvi dire in un giorno come questo?
Vi attirano le notizie sensazionali?
Le cose nuove?
Di cosa volete parlare con Me?
Del futuro?
Oggi è il vostro futuro.
Ciò che siete oggi è ciò che sarete domani e nell’ultimo giorno…
nel Presente di Dio.
Ogni uomo è ciò che è.
Potete solo migliorare nel Bene o peggiorare nel male.
Siete ciò che avete deciso di essere
quindi non imputate ad altri o alle circostanze
le vostre inadeguatezze morali.
Ognuno è responsabile di se stesso.
Provate voi a volgere il vostro sguardo verso voi stessi.
Cosa vedete?
Poi… provate a volgerlo verso i vostri fratelli più poveri e bisognosi
e verso i ricchi di superbia e di denaro.
Cosa vedete?
Cercate di soffermarvi sulle sfumature… sulle sensazioni.
Cercate le risposte entro voi stessi poiché ci sono… le conoscete già.
Poi cercate di volgere il vostro sguardo
verso Me che sono qui sulla Mia Croce…
dico Mia poiché l’ho abbracciata e amata per salvarvi
se volete essere salvati.
Sì… guardateMi bene…
studiate… meditate… scrutate ogni piega ed ogni piaga del Mio Corpo.
Coglietene l’odore acre del sudore…
della polvere… degli sputi e del Sangue
e anche altri odori che per pudore non elenco
ma che vi ricordo per riflettere
sul significato della Carne sofferente e martoriata
di un Uomo inerme che da Innocente sta morendo
poiché come Dio può e vuole salvarvi.
Figli e fratelli Miei non allontanatevi da Me
solo perché vi turba ciò che vedete e vi disgusta anche.
Non allontanatevi da Me poiché temete di riconoscere i vostri peccati.
Non allontanatevi da Me poiché temete il Mio Sguardo
che vi legge come foste un libro aperto.
Sappiate che il Mio Sguardo è Sguardo di Dio.
È comunque Sguardo d’Amore
anche quando è severo e rimprovera per il vostro bene.
Sì figli e fratelli Miei…
accogliete il Mio Sguardo su di voi e amateLo.
È il Mio Sguardo libero che può raggiungervi ovunque voi siate.
È il Mio Sguardo libero che può volare insieme al vostro… verso il Padre.
Non abbiate timore di inginocchiarvi
e chiedere umilmente perdono al Padre
Dio Creatore… Santo e Onnipotente.
Questa è l’ora…
questo è il momento più Sacro e Santo di tutti i Tempi…
questa è l’ora più solenne e alta in Amore e Dignità…
questa è l’ora dell’abbandono fiducioso a Dio Padre…
questa è l’ora della Mia Morte che darà a voi la Vita.
Ecco Conchiglia…
ora sono stanco… tanto stanco...
la vista si appanna… il respiro è sfinito… la saliva non c’è…
tutto Mi brucia e Mi duole…
il Mio Cuore è Spezzato…
le viscere non le controllo più
ed ho vergogna per il Mio Pudore violato…
che in pochi avete meditato.
Anche Mia Madre ha lo sguardo su Me… non l’ha mai distolto.
Ha vissuto e vive ogni attimo Mio.
Io Sono in Lei e Lei È in Me… Uniti da sempre e per sempre.
Che strazio Conchiglia… è lo sguardo di Mia Madre su Me.
È il dolore più grande vedere lo sguardo di Mia Madre su Me.
Eppure… i Nostri Sguardi si amano… si chiamano…
si abbracciano… si accarezzano e si baciano teneramente
fondendosi l’un l’altro… amalgamandosi ai Nostri Corpi
che nell’invisibile ai vostri sguardi… sono un tutt’Uno nel Padre.
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


Lo so Conchiglia che stai male.
Ora desidero descriverti quello che senti.
Senti dentro di te come qualcosa che scorre e sta uscendo al di fuori.
Senti un tremore strano delle membra.
All'interno di esse... è come un formicolio che ti invade tutta
e cresce in intensità fino a provocare dolore.
È un dolore innaturale...
poiché non è provocato da un vero e proprio trauma
ma è sangue che fuoriesce e svuota i vasi sanguigni
fino a farti sentire le vene dolenti.
Il prurito che senti addosso è simile a quello che ho provato
quando la polvere... sul Corpo Mio accaldato dal sole...
ostruiva i pori della Mia pelle.
Il dolore al capo che stai provando all'altezza della fronte
rappresenta il tormento di quelle spine
che Mi sono state conficcate con ferocia inaudita.
Conchiglia...
non durerà a lungo questo tuo malessere e questo tuo disagio
ma desidero che lo sopporti per un po'... solo per amore.
Accettalo figlia... non cercare di allontanarlo da te
non chiederMi neanche il perché.
Voglio dirti solo...
che la notte del sabato è stata la notte della discesa Mia agli ìnferi
per liberare tutti i Miei fratelli e Miei figli che Mi aspettavano da tempo
e ciò non avrebbe potuto accadere se non fossi prima morto in Croce.
La morte sulla Croce è stata... oltre a tutto una beffa che ho fatto a satana.
Come?... Perché?
Perché mentre lui Mi vedeva morto sulla Croce
e già ghignava soddisfatto... Io lo avevo accecato
e né lui... né gli altri si accorsero che andai a prendere agli ìnferi
tutte le Anime riscattate col Mio Sangue.
È vero... ero sulla Croce inerte ed esposto all'obbrobrio di tutti...
ma il Mio Spirito...
prima di esalare l'ultimo anelito ha confuso e accecato satana...
che ubriaco di felicità nel vederMi secondo lui sconfitto
non si è accorto di nulla.
Solo uno dei Miei discepoli si accorse.
Sta a voi scoprire chi fosse.
Conchiglia...
il sabato sera e la notte...
è un giorno di cui satana si è appropriato
poiché non ha sopportato l'affronto subìto e allora...
visto che anche per lui il tempo non è come il vostro tempo
da allora cerca di portarMi via più Anime possibili.
Nella notte del sabato... Io ho salvato tutti i Miei figli dagli inferi
e lui... cerca di portarvene altri... per umiliarMi.
O Conchiglia...
dì ai Miei figli più giovani che la vita è un bellissimo dono
e ciò non è sopportato da satana
che per questo... continua a provocare morti sulle strade
a causa della loro dissolutezza e delle droghe
della stanchezza e della ubriachezza
e dall'ebbrezza causata dalla sfrenata lussuria.
Satana... il principe di questo mondo
si è appropriato con il vostro libero consenso
di un giorno Sacro e Santo... che è quello del Mio Sabato.
E non è un caso... che la Santa Madre Mia
a Fatima ha chiesto ai pastorelli
la devozione dei primi sabati del mese.
Questa pena che ti offro Conchiglia...
è il valore che rappresenta il Mio Sangue versato per tutti voi
che siete nel Mondo ma non siete del Mondo.
L'oltraggio più grande e più grave che viene ancora perpetrato
è il dare sulle mani la Santa Eucarestia.
Figli prediletti Sacerdoti...
in questa settimana Santa che precede la Mia Pasqua
convertitevi soprattutto voi... se volete poi aiutare tutti i Miei figli
nel cammino della loro conversione.
DateMi i Miei Diritti.
OnorateMi e lodateMi come deve essere fatto.
Riprendete le Norme Antiche... quelle che sapevano di Sacro.
Ora il Sacro non esiste più nella vostra Liturgia.
In confronto a prima... sembra solo acqua fresca... troppo fresca...
poiché figli sappiate... che il Mio Sangue era caldo
come calda era anche l'Acqua che insieme ad Esso è fuoriuscita.
Abbiate cura di prepararvi mentalmente
e riflettete sulla Mia Passione d'Amore... perché Io dissi:
Questo Sangue è versato per molti... e non dissi ... è versato per tutti…
Infatti... solo chi Mi ama e Mi segue in tutto
anche nelle sofferenze del corpo e dello spirito
può usufruire dei Privilegi Santi.
Ricordate che sono Dio Misericordioso ma anche Giusto
e come Dio Giusto...
non posso dare la stessa retribuzione a chi non Mi ama e non Mi segue.
Il Santo Sacrificio che si perpetua ogni giorno
l'ho lasciato da fare a voi... Miei Sacerdoti
che Mi rappresentate degnamente per Mio Volere...
proprio per dimostrare che la Mia Misericordia
avrebbe accolto ogni figlio che pentito e contrito
si sarebbe avvicinato a Me.
Ma chi non si pente e non si duole dei propri peccati...
come può pretendere... anche solo di pensare...
che il Mio Sangue è stato versato per tutti?
Conchiglia...
passa questi scritti ai Sacerdoti.
Che riflettano sugli Scritti Santi che sono stati mal-tradotti
e abbiano il coraggio di seguire Me il loro Dio.
Quando dissi a Pietro:
Mi ami tu più di costoro?
Intendevo chiedere a lui...
se Mi amava sopra ad ogni altro fratello... pur amato da lui
e non...
che il suo amore per Me dovesse essere superiore all'amore
che i fratelli provavano per Me.
Io non paragono mai l'amore tra di voi per Me
poiché ognuno può amarMi liberamente.
Conchiglia...
il Cielo piange nel vedere la Mia Chiesa di oggi.
Ella si sta allontanando sempre di più da Me per avvicinarsi agli uomini.
Ma ahimè... così li allontana da Me
e lo spazio tra Me ed il Mondo diventa una distanza enorme.
Fate conto di essere in un campo di calcio... visto che tanto vi piace
ed Io... Gesù... sono il Portiere di Dio Padre...
mentre la squadra avversaria rappresenta satana con il suo portiere.
Ecco...
se un Mio figlio Sacerdote che è in campo vuole mettere a segno un goal...
deve correre... deve lottare... essere scaltro e furbo
e deve fare di tutto per difendere la Porta...
dove il Portiere è pronto per parare tutti i colpi avversari.
Ecco figli...
questa è una partita estenuante ed Io sono un Portiere Speciale
ma ho visto che pur parando tutti i colpi che vengono da ogni lato...
i Miei giocatori Sacerdoti sono stanchi
e non sono più capaci di difendere la Porta.
Conchiglia...
non vado oltre con questo gioco di parole...
poiché la partita ancora è in atto
e anche all’ultimo minuto si può riuscire di vincere sull’avversario.
Io sono Invincibile dal nemico avversario
ma desidero che voi partecipiate alla Vittoria...
e la partita va giocata tenendo conto
dell’Onestà... della Volontà... dell’Amore e della Verità.
Hai sofferto figlia... in questo venerdì di Quaresima
quante ore... hai atteso il Mio Messaggio con la penna in mano.
Volutamente figlia ho voluto questo...
per ricordare a tutti l’importanza dell’attesa.
Io Sono lo Sposo e ho dato appuntamento alle Vergini
e lo Sposo che ha ritardato Viene...
proprio come sono venuto a te in questo Scritto che hai atteso e atteso.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


 

Il « sabato » del silenzio è sceso sul mondo Conchiglia...
ma il mondo... non ha rispettato il silenzio del « sabato ».
Io... l'ho rispettato per tutti...
e sabato non ti ho dettato nessuna Parola.
La Parola... è comunione con Dio.
La Parola... l'ho detto... è Parola Eucaristica.
E come il Tabernacolo vuoto... tu sei rimasta vuota di Me.
Io... Gesù... che dalla Trinità ti parlo
ho percepito la tua sofferenza e l'ho usata pei Miei scopi sul mondo.
Conchiglia...
il mondo non vuol capire che è arrivato a destinazione.
Destinazione... vuol dire doversi fermare.
Doversi fermare... vuol dire dover prendere atto
del luogo in cui vi siete fermati e decidere che direzione prendere
per poter proseguire il cammino.
Attenti figli... l'ho detto... siete ad un bivio
e non avete più tempo da sprecare...
per decidere dove andare e che fare.
Se prenderete la via sbagliata avanti agli Occhi del Padre...
nulla più si potrà fare... poiché avrete deciso in totale libertà.


O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.
 


 

Sono Gesù...
il tuo Gesù d'Amore Conchiglia...
e desidero parlare sulla morte dell'uomo.
Prima però è necessario che Io ricordi alle persone distratte
ciò che sempre è stato detto
e cioè che il tuo cuore Conchiglia... è collegato a Me...
che la tua mente... è collegata a Me.
Ecco... ora parlo della Morte.
È un argomento tanto delicato quanto sconosciuto.
L'uomo nasce e l'uomo muore...
sin dall'Inizio della Creazione del Primo Uomo
eppure della Morte sapete ben poco
poiché chi muore...
non può raccontare e testimoniare la propria morte.
Io Sono l'Unico...
che può parlarvi della Morte raccontandovi cosa accade
poiché Sono...
Il Risuscitato... Il Risorto da morte.
Fin dall'Inizio della Vita del Primo Uomo Adamo...
il Padre aveva previsto per la Sua Creatura la Morte
ma non come la conoscete ora
e neanche per mano d'uomo.
La Morte come la Vita è nelle Mani del Padre
e tutto ciò che è nelle Sue Mani è Santo.
Quindi Santa la Vita...e Santa la Morte.
Si deve guardare alla Vita...
come ad un Passaggio Speciale
poiché la Vita è un Dono Prezioso
e si deve guardare alla Morte...
come al rientro alla Casa Paterna.
Se guardate alla Vita e alla Morte...
come erano state previste dal Padre
non potete fare altro che constatare
che in ciò c'è Equilibrio Perfetto
e l'equilibrio produce stabilità e serenità mentale.
Sì... dico mentale... poiché oggi l'uomo
tende a scacciare dalla mente l'argomento morte.
Se riflettete con calma
potete giungere a ciò che desidero farvi comprendere.
All'inizio della vita dell'Uomo...
dobbiamo necessariamente soffermarci.
Io vi accompagno in questo viaggio mentale
per darvi conoscenza sufficiente
per affrontare con serenità la Morte.
La morte del Primo Uomo e della Prima Donna
avrebbe dovuto essere un dolce passaggio
tra la vita prima e cioè alla vita sulla Terra
e la Vita Seconda e cioè alla Vera Vita In Dio
nella Dimensione Cosmica di Dio.
A causa del Peccato Originale però...
l'Equilibrio che il Padre aveva stabilito
si è spezzato brutalmente.
Adamo attraverso la disobbedienza al Padre
ha spezzato l'equilibrio genetico
che regolava la Vita e la Morte dell'Uomo.
Che Adamo ne è responsabile
ne avete ormai la spiegazione
ed Io Stesso come Uomo-Dio...
ho pagato per tutti il Peccato di Adamo.
Il primo a morire è stato Abele
ma non avrebbe dovuto essere così.
Non era questa la Volontà del Padre.
Adamo generando Caino...
ha instaurato la morte nel modo non voluto dal Padre.
Abele avrebbe dovuto crescere e moltiplicarsi
ed invece...
è stato ucciso dal frutto ibrido di Adamo
e cioè Caino...
per genetica mezzo uomo e mezzo animale
avente in sé istinti animaleschi e ragione e parola d'uomo.
Riflettete ancora con calma
e visualizzate Adamo e la Prima Donna Innocente.
E poi visualizzate Me Gesù e Mia Madre Maria
e analizziamo alcune cose.
Solo Io Gesù... Uomo-Dio sulla Terra
potevo rimediare all'errore di Adamo
ed Io sono stato Crocifisso e sono Morto sulla Croce.
Sono Morto per mano d'uomo... per volontà d'uomo
a « modo d'uomo » straziato nelle Carni.
La Prima Donna Invece era Innocente
e Maria Mia Madre ha sperimentato...
la Volontà della Volontà del Padre
con un dolce passaggio a « Modo di Dio »
senza strazio e sofferenza nelle carni.
Quindi...
Adamo colpevole e Morte Mia a « modo d'uomo »...
la Prima Donna innocente
e passaggio di Maria a « Modo di Dio ».
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.



Nei tuoi pensieri c’è spazio per tanti Miei figli
la tua preghiera li conterrà tutti.
Son tanti nel Mondo che ti metto accanto
tu prega e offri il tuo amore per loro.
Il dolore sarà la manna che nutrirà il tuo cuore
che solo con Me bene sta.
Conchiglia…
è un po’ che ti aspetto
scrivi… che devo parlar di una cosa che Mi preme assai.
Le persone che fanno di tutto per apparire agli occhi degli altri
nulla han capito del Mio Volere
che guardo al nascondimento e all’amore che cerco nel cuore.
Offrirsi vuol dire accettare di farsi usare da Me
per tutti i Miei disegni d’amore.
Offritevi figli… più siete più Opero bene
Son Io che gestisco il Mio Mondo.
La volontà è quella che voglio.
L’amore… appoggia il Mio tutto.
Il Sole farà grandi cose… vedrete dei segni nel cielo
che i vostri strumenti han già colto e altri ne coglieranno.
La Luna si oscura ad un tratto cambiando proprio colore
le stelle faran capolino… mai più le vedrete nel Cosmo.
Io cambio tutto… non puoi sapere da te queste cose.
Dai bimba non avere timore Son Io che ti detto l’Amore.
Sii contenta di partecipare allo scopo e al disegno Mio Santo.
Dovresti saltare e ballare di gioia per il Dono che Io ti ho dato.
Offri a tutti queste Parole… faranno bene anche a loro
lor sanno che c’è il loro Dio ma sentirMi parlare così
darà forza e coraggio in questi Ultimi Tempi
pe’ affrontare con calma e amore quel che sarà.
Molte le cose che devo dire… metti mano alla tua pazienza
in questo momento Mi puoi sentire.
Hai l’impressione che molto ho già detto… cos’avrò ancora da dire?
Io ti leggo i pensieri l’ho detto… nulla Mi è nascosto di te.
Devo dirti dove va il Mondo
sta scendendo ancora più giù… giù nel profondo
L’abisso è avanti a voi… mai più salirete oramai
sto aspettando gli ultimi bimbi… quelli che hanno già troppo aspettato.
Ho già chiuso la porta… manca solo un attimo ormai
più non c’è… il tempo di rimediare
di fuori è rimasto chi non Mi ha voluto
or voglio da te sol preghiera…
ho visto chi c’era ieri sera… la veglia è salita a Me.
Vi attendevo con ansia e amore
tre corone… tre corone Sante che ho sentito salire dal cuore
è così che dovete pregare ogni giorno
è così che Mia Madre è felice
è così che dovete fare per attirare più gente da Me.
Il Rosario è l’arma potente
che il Maligno non osa nemmeno guardare…
lo acceca l’amore che sale dalla preghiera
sembra che vinca invece ha perduto
son molti i figli che ho preso con Me.
La tua fiducia nel far le Mie cose Mi piace
continua Conchiglia la strada che hai preso.
Le cose del mondo lasciale a Me… Io le gestirò anche per te.
L’amore che provi per i Miei Sacerdoti si sente nelle tue lodi
li ami col cuore pulito perché da tanto hai capito
che sono un Dono per voi.
Sono i Miei figli prediletti che ho scelto nel Mondo
per annunciare la Mia Venuta nel Mondo.
Camminerò sulla vostra Terra
calpesterò il suolo che già ho calpestato…
camminerò accanto a voi tutti e Mi vedrete in mezzo alla gente.
Camminerò nel Cielo e in Terra mai più ci saranno confini.
Giovanni Mi è accanto… anche lui rivedrete
respireremo coi nostri polmoni la stessa aria che avrete voi.
Sarà aria pulita poiché rinnovata
dai tanti detriti che avete accumulato.
Sarà aria pulita che i bimbi avranno…
la loro crescita felice sarà.
Mai più dolore morte e pianto
voi mamme pregate pei vostri figli.
Ascoltate la figlia che si offre a Me
la sua vita ha messo nelle Mie mani
ed Io sto usandola come piace a Me.
Le sue sofferenze son dolori del cuore
che mai vedrete coi vostri occhi…
sono ferite che sanguinano ma che solo Io vedo da qui.
Son ferite aperte che nessuno vede ma Io conosco bene.
Tutto Mi ha dato la Mia Conchiglia e tutto Io le darò.
Quel che ho promesso…
è anche per voi se seguirete il suo esempio.
L’amore deve essere il centro del vostro operato e del vostro pensiero.
Immaginate l’incontro con Me…
sin da ora può esser stupendo.
Sì è vero… ero Io quel che ha visto la Conchiglia
il giorno che nel libro ha scritto.
Ero Io che piangevo d’Amore nel vedere già il suo calvario
duro sarebbe stato… lo vedevo… sapevo e piangevo
mai godo del dolore dei figli che ho scelto.
Mai vorrei soffrissero tanto…
ma il dolore non viene da Me
è il Maligno che ve lo ha messo a fianco.
Sì… Mi ha visto la bella Conchiglia
ero nudo ed era in inverno.
Sono sempre nudo oramai…
da quel giorno sul legno di Croce.
Mi avete spogliato…
ed ho accettato di essere uno di voi per mostrarvi la Via
che tutti dovete fare per giungere al Padre.
Spogliatevi figli del vostro orgoglio…
spogliatevi figli delle cose del mondo…
spogliatevi figli degli idoli tutti…
spogliatevi figli anche del vostro dolore…
offritelo a Me con amore… e anche con quello farò meraviglie.
Io cambio tutto in bene… il Maligno ha già perso in partenza.
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.



IO SONO VERAMENTE RISORTO... E SONO VIVO E VERO.
« Figli di Dio che voi siete...
siamo giunti a questa Pasqua... per Grazia ricevuta
poiché Maria è l'Autrice della richiesta dell'attesa... al Padre.
Figli di Dio... convertitevi poiché il giorno è vicino
e non... il tempo è vicino... il giorno... il giorno... il giorno.
Gesù Viene.
Tra poco Viene...
e dobbiamo e dovete... prepararci e prepararvi in fretta.
Gesù Cristo che è veramente Risorto
Viene a compiere ciò che ha Detto...
e cioè a stabilire il Suo Regno sulla Terra.
E non potrebbe esserci un Regno sulla Terra... alla fine del mondo...
ma alla fine dei tempi cattivi... sì.
Il Suo Regno è un Regno d'Amore e di Pace... di Gioia e di Gloria...
e questo certo... non è già nel mondo.
Si compiono le Scritture.
E la preghiera del Padre Nostro diventa viva e attuale
poiché è la preghiera più importante del mondo che si realizza.
Abbiate fede e non abbiate paura perché Gesù
verrà ad asciugare ogni lacrima
e a guarire ogni malattia per Sua Gloria...
per la Gloria del Padre e per la Gloria dello Spirito Santo.
Gesù darà Gloria anche a Sua Madre Maria
e i Loro Cuori Uniti Trionferanno...
poiché Gesù stesso lo dirà a tutti voi
e voi udrete con le vostre orecchie queste parole:
senza il « Sì » di Maria...
nulla si sarebbe compiuto nel mondo.
»
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.

 


QUESTO È IL VERO VOLTO DI GESÙ
 
Nel 1978, alcuni esperti della NASA impegnati nel progetto STURP (Shroud of Turin Research Project Inc.),
sottoposero la Sacra Sindone di Torino ad analisi minuziose. Il tecnico che aveva fotografato il Santo Volto di Gesù,
da ateo qual era, divenne credente. Infatti, mentre eseguiva una serie di trattamenti fotografici,
al settimo “ trattamento ”, Gesù si mostrò con gli occhi aperti, che invece sono chiusi sulla Sacra Sindone.

 


UN RAGGIO DI LUCE DIVINA
HA SMATERIALIZZATO IL MIO CORPO DAL SANTO SUDARIO...
E IL SEPOLCRO... È RIMASTO VUOTO DI ME.
La luce accecante che attorniava il Mio Corpo Risorto
ha confuso gli astanti e nessuno Mi ha riconosciuto.
Solo l’amore di Maddalena ha infranto la Barriera Celeste
e lei Mi ha riconosciuto con gli occhi dell’amore.
Quella luce abbagliante le ha trapassato l’Anima prima dello sguardo
che è rimasto sbarrato all’amore.
Non avendo parole per spiegare ad alcuno
quello che lei aveva percepito e visto...
straniva al pensiero di doverlo dire con parole sue
poiché termine adatto... non v’era.
E se c’era... era a lei sconosciuto.
Andava per strada ubriaca d’amore dicendo:
« L’ho visto... ho visto il Maestro... ho visto Gesù... ho visto il Signore. »
Nessuno credeva... in quell’attimo santo quando lei disse... « L’ho visto »
ma poi... il suo sguardo incantato e beato ha convinto chi le stava innanzi.
O dolce Maria Maddalena... ha pianto ai Miei Piedi
e ha raccolto la Gloria di Dio come premio.
O Mie Maddalene piangete anche voi ai Miei Piedi...
non per Me ma per i vostri figlie pregate per loro... e i lor tanti perigli.
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.


La lealtà verso il fratello non ha prezzo avanti agli Occhi di Dio…
poiché Dio vi vede tutti uguali avanti a Lui. Tutti figli Suoi siete.
Il vostro cuore onesto vi guadagna la fiducia del fratello e di Dio
e nessun tesoro vale quanto il possedere la fiducia del prossimo e di Dio.
Figli e fratelli Miei… Io… Gesù… che dalla Trinità vi parlo
prima di voi ho dovuto dimostrare agli altri ciò che ero come Uomo…
ed è per questo che sono morto sulla Croce.
È per questa Mia Morte scandalosa agli occhi di molti
che Mi sono guadagnato la vostra fiducia…
il vostro rispetto… e il vostro amore.
Poi… solo poi avete compreso che l'uomo apparentemente perdente…
era ed è in tutta la Sua maestosità il Vero e Unico Dio.
Figli Miei… arriverà un giorno e sarà molto presto
che voi camminerete tra di voi senza più temere uno dell'altro
e vi fiderete ciecamente l'uno dell'altro…
e ci sarà rispetto reciproco e amore reciproco
e non serviranno più le barriere protettive che ora avete nelle vostre case…
nelle vostre aziende e sulle vostre terre.
I confini non saranno più segnati
gli Stati non saranno più divisi
e il Mondo si chiamerà con un solo e unico nome
poiché ogni figlio possiederà la Terra.
L'amore che regnerà ovunque sarà principalmente all'interno di voi…
per questo sarà possibile un tale cambiamento.
Non ci sarà più il povero ed il ricco
lo sfortunato e il fortunato
il malato e il sano
il giovane e il vecchio
l'onesto e il disonesto
il cattivo e il buono.
Tutto sarà armonia assoluta nell'uomo… nella natura… negli animali…
e tutto a suggellare le Parole descritte da Giovanni
che sono nel Sacro Libro.
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.


L'Uomo è il più bel tabernacolo della Terra
ma Maria... la Madre Mia...
la purissima e gloriosissima Vergine tra le vergini
è il Tabernacolo Assoluto di Dio...
Dio... che ha voluto donare Se Stesso attraverso Maria...
Suo veicolo spirituale generato e creato.
Figlia... Mia Conchiglia...
questi istanti di angoscia che ho dato al tuo cuore e al tuo essere tutto
Mi sono serviti per instillare amore a chi amore più non dà.
Sono diventati aridi i Miei figli... si sono chiusi al mondo...
e allora... Io Mi chiudo a loro.
Tolgo loro la Mia Acqua fresca.
Farò loro assaggiare cosa significa avere sete...
quella sete che non si estingue con l'acqua che vi ho donato per la Vita
ma si estingue solo con la Mia Parola...
che è Acqua Viva colma di delizie inenarrabili.
Voi potete aprire e leggere tutti i libri esistenti al mondo
ma alla fine... vi ritroverete pieni di voi e vuoti di Me.
Solo Io... Gesù... che dalla Trinità vi parlo
posso riempire i vuoti del vostro cuore e allora...
come ho chiesto in un Messaggio già dato
fatevi avanti con coraggio e testimoniate.
Siate Testimoni della Croce della Mia sofferenza d'Amore
e della Risurrezione Gloriosa...
e ricordate che la Mia Presenza è già tra voi... e non ve ne siete accorti.
Sto camminando tra di voi Vivo e Vero...
e vi guardo... vi valuto... e vi scruto
e sto scegliendo tra di voi... chi con Me vivrà ed evangelizzerà nel Mondo
fino all'ultimo figlio più nascosto.
Vi sto reclutando nel nascondimento dei Miei vari aspetti
con proposte adatte alla vostra personalità.
C'è già tra voi chi si è autoescluso...
ma Io guardo ai cuori e alla buona volontà.
Conchiglia...
ora è il tempo per fermarti un poco rivolta al mondo...
e per dedicarti interamente a Me.
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.



Preghiamo

Padre Mio... perdona sempre
quest’uomo infedele ed inconcludente
che ti ama e ha capito i propri errori.
Padre Mio... ascolta il mio lamento
in questo momento non mi è possibile riparare
e allora... Ti offro il Sacrificio di Tuo Figlio
che anche per me è morto sulla Croce.
Accetta anche le mie lacrime sincere
son poca cosa in confronto al dolore causato
ma offro il mio dolore con il cuore assai pentito
promettendo di non comportarmi più... come in passato.

Amen.
 



Conchiglia della Santissima Trinità

( Schio, Vicenza )


Preghiera di Conchiglia

Signore Mio Dio... abbi pietà di me e del mondo intero.
Signore Mio Dio... accetta il mio amore puro che porgo sulla Terra
affinché vi posino i Tuoi Santi Piedi.
Accetta il mio dolore supremo... segno di accettazione alla Tua Volontà.
Accetta le mie lacrime tutte...
segno di pentimento per il Popolo che Ti attende
poiché Ti ama e in Te crede e spera.
È vero Mio Signore... siamo rimasti in pochi...
il Tuo Popolo « l’Israele » è stanco ed è stremato.
Riverso a terra esso si trascina verso Te che sei la Meta...
verso Te che sei la Luce
verso Te che sei la Via
verso Te che sei la Verità
verso Te che sei la Vita.
O Mio Signore...
a nome mio e a nome del Tuo Popolo « l’Israele »
chiedo perdono di tutte le mancanze e di tutti i peccati
sopratutto dei peccati dei Tuoi Consacrati
che Ti hanno tradito e non creduto... poiché non Ti hanno amato.
O Mio Signore...
a Te mi rivolgo affinché il Tuo Ritorno si percepisca vicino
nel cuore di tutti quei figli che sono disposti a donare la loro vita per Te.
O Mio Signore...
ascolta la voce dei più deboli nella carne e nello spirito.
Renditi sensibile in modo sublime
affinché abbiano la certezza della Tua Reale Presenza nella Santa Eucarestia
e questo... in attesa di vederTi quale realmente Sei:
il Risorto...
il Vivente
il Presente
l’Invincibile
il Santo dei Santi...
come in Cielo così in Terra.
O Mio Signore...
fa che il Tuo Regno composto dai Tuoi sudditi sia visibile su tutta la Terra
poiché non può esistere un Regno senza sudditi.
Infatti sono i sudditi che amano... rispettano... e servono il proprio Re...
che ne delineano il Regno.
O Mio Signore...
grande è il mio dolore nel constatare che ancora il Tuo Popolo...
non si è reso conto che il regno tuo è già qui.
È vero... è un Regno piccolo ancora
poiché pochi sono i sudditi ma è il Regno che hai promesso.
È su questa Terra il Tuo Regno... ora.
Devono solo aumentare i sudditi affinché questo Regno cresca.
Cieco è l’uomo nel cuore che ancora dà retta ai falsi profeti
che fanno credere chissà quali cambiamenti.
Questa è la Terra che hai donato all’uomo.
Qui... deve tornare ad essere come all’Inizio.
La Terra Nostra deve tornare ad essere il Paradiso Terrestre...
incontaminato dal peccato prima di tutto
e poi... incontaminato dalle conseguenze degli errori
causati a danno della Natura tutta.
Signore Mio Dio...
usa Misericordia verso il Tuo Popolo « l’Israele »
applicando la Tua Santa e Implacabile Giustizia
annientando i figli che non sono Tuoi
altrimenti i Tuoi Veri Figli soccomberanno a causa dell’esiguo numero.
Signore Mio Dio...
io Ti amo e ancora e sempre mi offro a Te per tutti i miei fratelli.
È vero sono stanca... sono esausta... sono davvero ad un dito da terra.
Giunta è l’ora della Tua Promessa in mio soccorso
affinché gli altri riconoscano la Tua Potenza Infinita e Santa.
Tuo è il tempo...
Tuo è lo spazio senza tempo e senza spazio.
Tuoi sono gli Elementi tutti che si stanno scatenando per purificare la Terra
per dimostrare al Tuo Popolo che tutto è in corso come mi hai detto da tempo.
Signore Mio Dio... eccomi.
Sono la Tua Conchiglia... sono Tua figlia
che tanto Ti onora... Ti ama... e Ti loda...
chiedendo ancora… SIGNORE... PERDONO.
Amen.
 

O Gesù... Ti adoriamo e Ti benediciamo
poiché con la Tua Santa Morte sulla Croce hai Redento il Mondo.

 



07 aprile 2012 - 05.45 - La Santissima Trinità
12° Anniversario della prima Rivelazione data a Conchiglia

“ Dall’ Unità sei stata chiamata
per rappresentarCi al Mondo…
quel Mondo che ancora oggi gronda sangue…
sangue dei figli di Dio che Lucifero odia e non vuole che abitino il Mondo.
Dall’Unità sei stata chiamata…
per l’Opera più importante del Terzo Millennio…
Millennio che è iniziato con te il « sette aprile dell’anno duemila »…
« Dodicesimo Anno del Terzo Millennio dopo Conchiglia ».
Ed ora diranno:
« Conchiglia hai bestemmiato… meriti la morte ».
Che strano…
hanno detto la stessa cosa a Gesù: «… a morte hai bestemmiato ».
Conchiglia…
ciò che ti abbiamo detto sono « Parole alte »
Parole che sconquasseranno il Tempio malandato che è l’attuale Chiesa…
Parole che entrano nel Mondo come una « esplosione atomica »…
Parole che fanno tremare la Terra
peggio che fosse un terremoto mondiale e devastante all’ennesima potenza.
Conchiglia…
non pensare scrivi
non temere scrivi
e rimani fedele alle promesse
rimanendo nella Nostra Volontà del Dio Uno e Trino
che tutto si può permettere di dire e di creare
e Dio ha deciso di creare un « Giorno Nuovo » che l’Alba Nuova manifesterà.
Ci saranno molti increduli… ma ci sarà chi comprenderà.
Non calcolare il tempo misurandolo a come ti hanno abituata…
devi sforzarti di misurarlo a modo di Dio
poiché ciò che sarà… già È…
è sempre stato…
È AB Eterno.”


07 aprile 2012 - 06.10 - Gesù
12° Anniversario delle Rivelazioni date a Conchiglia

“ I tuoi atomi perfino si sono ammutoliti Conchiglia…
la tua sostanza si è come raggelata.
È difficile trovare un termine comprensibile alla moltitudine.
E allora… lascia che ti dica semplicemente…
« mamma ti amo… Mi sento tuo Figlio
poiché Mi è madre chi fa la volontà del Padre Mio.
Sì… Mi sento tuo Figlio
poiché Mi ami come Dio eppure Mi senti tuo figlio…
poiché Mi porti in te nel cuore
poiché Mi difendi avanti al Mondo
poiché Mi proteggi nella Mia Chiesa
poiché Mi porgi al Mondo per farMi conoscere ed ascoltare…
affinché l’Umanità si ravveda e Mi imiti.
Sì Mi sento tuo figlio
poiché soffri delle Mie sofferenze patite per amore dell’Umanità.
Sì… Mi sento tuo Figlio…
poiché ti commuovi ogni volta che Mi vedi e che Mi senti.
Sì… Mi sento tuo Figlio
poiché ti comporti come una mamma trepidante…
nell’attesa di rivederMi e di riaverMi accanto.
Eccomi mamma Conchiglia…
ora è come se ti stessi telefonando…
ti ho chiamata per dirti…
ciao mamma sii serena che sto per arrivare… sono già in viaggio
dillo anche ai Miei fratelli e sorelle che sto arrivando.
Sì… il vostro Gesù Viene ritorna a Casa a farvi visita
poiché ve lo avevo detto che avrei preparato un posto per tutti voi.
Ecco… i posti sono pronti…
attendono di essere occupati e vissuti nella Vera Vita in Dio.
Io Gesù che dalla Trinità ho parlato ti benedico Conchiglia
e benedico tutti i Miei figli e fratelli
nel Nome del Padre
della Madre
del Figlio
e dello Spirito Santo
e Ti ricordo che Io Sono venuto per Glorificare il Padre
e Tu per Glorificare la Madre.”


07 aprile 2012 - 06.40 - Maria Santissima
12° Anniversario delle Rivelazioni

“ Sono la Mamma Maria Conchiglia…
ed oggi la Chiesa commemora un silenzio profondo.
Il silenzio che « procede la Speranza »
« frutto » della Fede nelle Parole di Mio Figlio
che ha detto… sì… non piangere Mamma Io Risorgerò .
È un giorno importante che « precede la Salvezza Eterna ».
Sì… solo se si ha Fede e si crede in Gesù si avrà Salvezza
e la Risurrezione di Gesù è la prova della vita che non finisce
ma continua e si espande e si evolve da un Pianeta all’altro…
da una Dimensione ad un’altra Dimensione… senza limiti di tempo.
Conchiglia…
devi vedere il Creato come una « Ruota »…
tante volte si è parlato della « Ruota ».
Ogni raggio della « Ruota » di Dio rappresenta una Dimensione.
Tutto è compreso in questa « Ruota » di Dio
e Dio la contempla poiché la contiene.
All’interno di essa…
il Tutto Creato nell’Eterno Presente di Dio sussiste e vive
e la « Ruota » gira… in continuo gira…
poiché anche il Tempo non tempo gira.
Il Tempo non va in linea continua e retta… ma gira.
Lo Spazio non va in linea continua e retta… ma gira.
Come in Cielo così in Terra…
in Terra la « Ruota »…
ma prima in Cielo la « Ruota Cosmica ».”


Carissimi fratelli e carissime sorelle in Gesù e Maria,
come insegna Gesù nel Santo Vangelo...
testimoniate la vostra Fede, non abbiate paura.

Dio vi benedica      
e La Divina Maria, Nostra Signora di Guadalupe, La Perfetta
vi protegga insieme ai vostri cari
e protegga il mondo intero
nel Nome del Padre 
della Madre 
del Figlio  
e dello Spirito Santo. 
Amen.

          
                                         Conchiglia
                                                                      della Santissima Trinità
 

    









MIRACOLO EUCARISTICO
DEL  MOVIMENTO D'AMORE SAN JUAN DIEGO
avvenuto venerdì 23 maggio 2003 ore 15.00 a Ostina - Firenze - Italia
nelle mani consacrate di Don Gian Paolo Faroni Sacerdote Salesiano Don Bosco
in occasione dell'Adorazione Eucaristica quotidiana

 

25 maggio 2003 - 22.30 - Gesù

“ EccoMi qui davanti a te Conchiglia
con il Mio Corpo ed il Mio Sangue.
Sono Vivo e Vero e tu l'hai sempre sentito nel cuore.
Ma quanti figli dubitano ancora?
Possibile che il mondo non sa vivere senza vedere?
Ecco figlia… questo « segno » è per il mondo
ma il Mio Corpo e il Mio Sangue è dato per voi e per chi Mi ama.
Sì Conchiglia…
il Santo Padre sapeva bene cosa faceva
quando ha steso l'Enciclica riguardante
l'Eucarestia e il Culto Eucaristico.
Egli sapeva bene che bisognava mettere nero su bianco
per difenderMi dalla massoneria e da satana
che gira indisturbato lungo i corridoi del Vaticano.
Conchiglia…
questo Corpo e questo Sangue è qui anche per te
sopratutto per te…
che nel momento della prova… terribile prova
dovrai trarre la forza e il coraggio
da Me qui presente per portare a termine la missione
che ti abbiamo affidato per il mondo.
Quando sei entrata per tuo volere nella Mia Divina Volontà
sei entrata nel Paradiso che ancora non vedi
ma senti nel cuore quando ti inondo d'amore.
L'ho detto devo essere delicato con te
che tanto Mi ami e darti il Mio Amore goccia a goccia
proprio come questo Sangue che goccia a goccia
vi mostra la Mia Presenza reale tra di voi.
1
Sì… devo dosare il Mio Amore…
poiché non resisteresti a tutta la gioia che invaderebbe il tuo cuore.
Saresti sempre lì ferma a guardarMi e a pregarMi
in continua contemplazione d'amore.
È vero la preghiera è necessaria… tanto necessaria
ma devo lasciarti il tempo di operare le cose per Me.
La tua forza è nulla… è nulla… è nulla.
Sono Io che tutto posso e faccio dall'Eternità…
per il resto Mi occorre solo il tuo FIAT d'amore…
la tua volontà nella Mia Volontà Divina.
Ecco figlia…
lasciati andare alle sensazioni che instillo nel tuo cuore
e bèati di questo.
È un regalo prezioso…
è un Dono unico e infinito e di infinito valore.
GlorificaMi attraverso le tue azioni e la tua abnegazione in Me
e vedrai la Potenza e la Magnificenza di Dio che esploderà nel mondo
operando a favore dell'uomo Sua amata creatura.
Dio Padre ha mandato Me il Figlio… vedi?
E ora ha mandato te presso il mondo.
Quando quel mattino ti disse la Trinità Santissima e Augustissima:
Siamo Uno Tre volte insieme
cantando per te che sei qui…
2
si riferiva proprio a questo preciso momento.
Ti amo Conchiglia…
vi amo figlioli…
vi amo Gesù.”

1 La Rivelazione è stata ricevuta davanti al Santissimo Sacramento che ha sanguinato poche ore prima, Miracolo Eucaristico avvenuto a Ostina-Firenze, Italia, venerdì 23 maggio 2003 alle 15.00 nelle mani del Sacerdote Salesiano Gian Paolo Faroni.

2 Si veda Rivelazione del 07 aprile 2000.


25 maggio 2003 - 22.50 - Maria Santissima

“ Dai figlia scrivi sono la Mamma Maria.
Anche ora come allora vi porto Gesù mio Figlio
e come alle Nozze di Cana Io vi dico:
Fate ciò che Egli vi dirà.
Sì figli…
chi sta con Gesù sta con Dio
e nulla deve temere e tutto può fare
attraverso di Lui che opera in Prima Persona
per voi che lo amate.
Sì figli…
fate quello che Lui vi dirà
poiché Egli mai vi farà del male.
Il male che avete intorno è procurato da satana
che gode del dolore dei figli di Dio.
Ma mio Figlio sanguina di Amore e di Dolore
e come vedi anche ora Si offre al mondo.
« Proprio ora che sta per venire Si mostra?»
Dite voi.
Sì figli… Si mostra al mondo per dimostrare
che le Parole dette a questa figlia nostra Conchiglia
e ad altri figli scelti si avvereranno e sarà presto.
Quindi dovete fare presto a convertirvi
poiché il tempo sta per scadere
e questo è stato già detto.
Conchiglia…
ama il Figlio mio… amaLo d'immenso.
AmateLo voi tutti e consolateLo degli oltraggi
che riceve in ogni istante del vostro tempo.
Sapeste quante ignominie e quante infamie
ancora dicono su di Lui.
Era Dio… è Dio… e sarà sempre Dio… in eterno Dio.
Conchiglia… ti benedico e vi benedico
in Nome mio e della Santissima Trinità.”


26 maggio 2003 - 19.20 - Gesù

“ Dovete portarMi al mondo
ora che vi ho permesso di adorarMi
come Dono d'Amore particolare.
È giunto il momento di donarMi a tutti i vostri fratelli.
Conchiglia…
Io ti ho messo nelle mani della Chiesa ufficiale
che ti stritolerà fino a farti male
fino a farti sanguinare dentro il cuore.
Molti figli che seguono le Mie Parole
attraverso di Te che le scrivi fedelmente…
non hanno ancora compreso che Io Sono in te
e attraverso le tue parole…
le parole che escono dalla tua bocca Io parlo al mondo
e questo lo dico per molti Sacerdoti che iniziano a dubitare nel cuore.
Conchiglia…
lo so che la strada sarà piena di insidie e di ostacoli
ma questo è il calvario previsto per te.
Figlia Mia… che questo scritto
accompagni il Mio Corpo ed il Mio Sangue fino alla meta.
Quale meta?
La Mia casa… la Mia Chiesa…
affinché veda con i propri occhi Me presente innanzi a loro.
Sì… presente avanti a loro potrò vederli viso a viso
e dimostrare loro che proprio perché Sono Dio
Mi faccio piccolo e Mi umilio innanzi a loro per la Gloria di Dio Padre.
Conchiglia…
come faranno a negare l'evidenza del Mio Corpo e del Mio Sangue?
Non sono forse le Parole dei Sacerdoti
che pronunciano sull'Altare con la Consacrazione…
che Mi permettono di scendere in mezzo a voi?
Ed ora che Mi vedono realmente cosa diranno?
Faranno come il vecchio Sinedrio?
Diranno che è opera di satana?
Ah… figli Miei Sacerdoti… guardatevi.
Voi non siete Sacerdoti solo al di fuori
siete soprattutto Sacerdoti di dentro e in eterno.
Sacerdoti Miei… unitevi tutti insieme
fate quella forza armata che è fatta di amore
e di infinita grandezza e potenza poiché è donata da Dio.
Conchiglia…
il pegno d'amore rimarrà nelle vostre Anime per sempre
ma chi Mi ama soffrirà sempre fino alla Mia Venuta sulla Terra.
Conchiglia…
la tua maternità spirituale dovrà imitare la spiritualità di Mia Madre
che pur amandoMi di immenso
ha accettato la Volontà del Padre immolando Me il Figlio Suo…
la Creatura che per mezzo dello Spirito Santo
ha riempito il suo grembo adorato.
Conchiglia…
la tua maternità è grande e non lo sai.
È una maternità tra voi
che porterà tanti frutti d'amore che mangeranno gli affamati
ed Io li sazierò e li sazierò in eterno.”


26 maggio 2003 - 19.30 - Maria Santissima

“ Sono la Mamma Maria Conchiglia…
accompagna ancora Mio Figlio con queste Parole.
PortaLo ancora al Calvario per potervi poi salvare.
Questa volta però il Calvario non porta alla crocifissione di Mio Figlio
ma porta alla crocifissione tua
poiché quando si entra nella Volontà Divina
si accetta tutto per puro amore.
Figlia… Mia Conchiglia…
il Movimento d'Amore San Juan Diego
è già iniziato nei cuori dei figli che amano Me e Mio Figlio Gesù
ma satana sta lavorando alacremente
attraverso alcuni figli che non si rendono conto
di ostacolare il progetto di Dio e rallentano ogni cosa.
Conchiglia…
dì ai fratelli di pregare per il Movimento d'Amore San Juan Diego
poiché il nemico tremendo gli gira intorno.
Conchiglia…
prega per chi ti ostacola e perdona sempre… sempre… sempre.”


27 maggio 2003 - 18.00 - Gesù

“ Oh… sì figlia…
scambiamoci le dolcezze d'amore in questa intimità
da te cercata e da me voluta.
Insieme preghiamo per il mondo
affinché il Padre Eterno e Santo usi ancora Misericordia.
Il mondo ha sete di te e di Me l'ho detto.
Ma questo creerà divisione nei cuori che non sono pieni di Me.
Molti non hanno compreso il Mio Volere attraverso le tue parole.
Sei donna…
e perché donna ancora da sottoporre a giudizi inutili
e da subire microgelosie da altre donne del tuo tempo.
È tanto che istruisco sul come desidero essere riverito
onorato… adorato… lodato… e ascoltato.
Io parlo attraverso di te…
poiché così è piaciuto alla Santissima Trinità
che è la tua guida spirituale.
Chi si sente in grado di farti da guida spirituale sulla Terra
si faccia avanti con coraggio se ha qualcosa da recriminare…
riguardo alla Parola di Verità che ti diamo.
Ancora oggi come ieri viene messa in discussione la Parola di Dio
proprio come hanno fatto con Me.
Il tuo « fiat » Conchiglia ha scatenato gli inferi
ed ogni opportunità satana usa contro di te.
Ma Noi figlia ti stiamo dentro e a fianco e quindi non devi temere.
Abbi l'umiltà di dire a voce alta attraverso queste Parole…
che sono addolorato e deluso.
Ho chiamato i Miei figli ad adorarMi per primi
per privilegio santo.
Ma dove sono?
e la Mia Casa… la Mia Chiesa?
Come Mi sento abbandonato figlia.
Ecco vedi?
Io e te… te ed Io.
Che gran dono Conchiglia.
Ma gli altri dove sono?
Il Mio Corpo ed il Mio Sangue È qui Presente e mostra la realtà
che ebbero l'onore di vedere gli Apostoli di ieri.
Eccoti qui sola avanti a Me.
E il Mio Giovanni dov'è?
E tutti i Miei figli…
che hanno il diritto di averMi con loro e vederMi dove sono?
Io Dio non vengo ancora ascoltato
e piango per i figli che Mi hanno trascurato.
Il Mondo deve sapere… ancora lo dico.
È urgente Conchiglia.
E tu soffri poiché sei impotente di fare.
La responsabile degli avvenimenti
e la depositaria della Verità… è la Mia Santa Chiesa.
Leggete bene dentro il vostro cuore
e cercate di capire… se avete fatto tutto bene.”


30 maggio 2003 - 07.00 - Gesù

“ EccoMi a te Conchiglia.
È sempre troppo lunga e dolorosa l'attesa delle Mie Parole
che il tuo cuore e la tua mente accolgono per il mondo.
È doloroso trattenere il respiro continuamente
in attesa di quel lancio dal trampolino.
Il lancio dal trampolino inizia con un salto nel vuoto…
per andare nel fondo dell'acqua.
E nell'acqua…
i suoni vengono sia attutiti che amplificati
e l'acqua circonda e sommerge…
chi pare scompaia alla vista dello spettatore
che nel vederlo sommerso dai flutti dell'acqua…
può anche crederlo morto.
Ma ad un tratto ecco che riappare a fior d'acqua
e riemerge conquistando il podio centrale.
Ecco Conchiglia…
il salto nel vuoto è rappresentato dal tuo amore per Me
e dalla fiducia smisurata che hai in Me pur senza vedere e sapere.
L'acqua che circonda e sommerge
fino a far credere allo spettatore che il tuffatore è morto…
rappresenta in questo caso la potente massoneria ecclesiastica
che cercherà di mettere a tacere te…
che odi il suono della Nostra Parola per il mondo.
Il tuffatore che riemerge e conquista il podio centrale
rappresenta te Conchiglia…
che alla fine trionferai come strumento usato da Dio
per diffondere la Parola di Verità rivelata
e che il mondo riconoscerà in pienezza.
Ecco Conchiglia…
l'ascolto è stato faticoso
ma continua a tuffarti con fiducia nel vuoto
ed Io… Gesù… che dalla Trinità ti parlo…
in te a Gloria di Dio Padre trionferò.”


30 maggio 2003 - 07.50 - Maria Santissima

“ Oh… Maria Santissima…
aiutami a fare la Volontà di tuo Figlio Gesù.
Sì… figlia…
ogni volta che invocherai il mio aiuto io ti aiuterò.
Aiuterò ogni figlio che mi chiederà aiuto
poiché io stessa sono stata di aiuto a Mio Figlio Gesù…
mentre compiva la Volontà del Padre.
La storia si ripete.
Il sacrificio di chi si immola nel Figlio Mio per la Gloria di Dio…
non è compresa.
Anche tu Conchiglia…
rappresenti in mio Figlio un segno di contraddizione.
Rappresenti in Lui la pietra che vogliono scansare
che diverrà in Lui testata d'angolo.
La tua obbedienza nella Volontà Divina
fa infuriare i potenti del mondo
che esigono obbedienza sopra a Dio.
È vero…
che bisogna obbedire alla Chiesa nella cose insegnate da Dio…
ma in quelle soltanto.
E non si può obbedire alla Chiesa…
quando incita al mancato rispetto verso l'Eucarestia
dove Mio Figlio è presente nella Sua intierezza
e cioè Corpo… Sangue… Anima e Divinità.
E in questo caso…
più che mai prende valore ciò che disse Pietro:
meglio obbedire a Dio che agli uomini.
Io la Mamma Maria vi dico:
chiedetemi di aiutarvi a testimoniare…
l'amore per Gesù mio figlio.”


30 maggio 2003 - 17.55 - Gesù

“ Contemplate i Miei modi di fare.
Contemplate la delicatezza…  con cui Io Mi presento avanti a voi
nel momento che state per riceverMi in voi.
Io Mi presento con la veste più bella.
È la veste della natura e dei frutti della terra dell'uomo.
Mi presento gradevolmente a voi nelle specie del pane e del vino
affinché non vi turbi il vedere il Mio Corpo di Carne
ed il Mio Sangue Vivo versato per voi e per molti.
Sono Dio… sono un Dio delicato con la Sua amata creatura
poiché la conosco fin nel profondo del proprio essere.
Che dolore sarebbe per voi… figli Miei…
guardarMi ridotto ad un ammasso di carne lacerata
a causa delle vostre torture inflitteMi con il peccato
e che dolore vedere il Mio Sangue…
che imbratta l'Altare e ne cola ai lati.
Figli Miei… io vi amo.
E più che possibile vi preservo dal turbamento e dal dolore.
Ma voi che fate?
Invece di apprezzare la Mia delicatezza
nel presentarmi a voi nel momento del sacrificio…
Mi oltraggiate rinnegandoMi.
Non credete che Io sono Vivo e Vero
su ogni Altare che celebra la Mia Messa…
per mezzo delle mani e delle intenzioni dei Sacerdoti.
Che dolore… figli.
Che dolore… Conchiglia.
Dopo più di duemila anni…
non credete ancora al vostro Dio che vi ama
e che in tutta la Sua totalità Divina si è offerto e si offre ancora a voi.
Grande è l'umiliazione che Mi infliggete
nel costringerMi a ripetere avanti a voi..
la realtà della carne cruda e martoriata… e del Mio Sangue.
Conchiglia…
ecco il perché del grande Miracolo Eucaristico
offerto per tutto il mondo.
È per presentarMi al mondo.
È per togliere ogni dubbio…
che può passare nelle menti degli uomini
anche di quelli più devoti e più pii.
Conchiglia…
eccoMi… eccoMi… eccoMi.
Io Mi lascio guardare.
Sono ancora nudo avanti ai Vostri occhi
per mostrarvi quanto crudo è stato l'atto
che avete perpetrato sul Mio corpo Santo e Verginale.
È per dimostrare la crudeltà vostra e la vostra incredulità.
Ancora volete vedere?
Cosa altro volete vedere?
Io sono sopra ad ogni Altare…
nelle condizioni che ho appena descritto a questa figlia Mia Conchiglia.
L'amore che provo per voi è immenso… è infinito.
Ma il vostro lo è altrettanto?
No… non lo è.
E allora guardateMi e meditate.”


30 maggio 2003 - 18.05 - Maria Santissima

“ Ecco Conchiglia…
Mio Figlio Gesù è venuto in tuo aiuto.
È venuto per confermare la Parola della Santissima Trinità
che ti è donata e dettata per il mondo.
Conchiglia…
il Volere di Dio è quello di mostrare ancora il Figlio Suo
nelle vesti di Uomo di carne.
Ma Egli è Dio… è Dio… capite?
Non andate oltre nell'infangare Mio Figlio.
GuardateLo… studiateLo con gli occhi della Fede e della scienza
poiché la scienza è dono di Dio dato all'uomo
per farvi meglio comprendere i Misteri di Dio
che vi circondano e che vi pregnano.
Consolate Mio Figlio…
inginocchiandovi avanti al Suo Corpo e al Suo Sangue.
Abbiate per Lui il riverente ed ossequioso rispetto
che si deve a Dio Stesso poiché Lui è Dio… Dio… Dio.
Chiedete perdono per i peccati vostri.
E tu Chiesa non fare come allora…
non rifiutarLo come hai fatto allora.
Ora non hai scuse… non puoi dire:
noi non sapevamo.
Ora sapete e siete coscientemente responsabili…
di ogni atto e di ogni pensiero.
Sì… Dio Padre vi enuncerà anche i vostri pensieri
nel momento del Giudizio Particolare e Finale.
Conchiglia…
avanti… fatti coraggio pregando la Santissima Trinità con amore
e a me la Vergine Santa e Immacolata… chiedi luce e forza.”


24 ottobre 2003 - 04.15 - La Santissima Trinità

“ La santità figlia...
si raggiunge solo attraverso la sofferenza estrema
e attraverso la mortificazione dei sensi e del corpo.
Ma la mortificazione più grande e più dolorosa...
è data dalla rinuncia dei propri desideri e pensieri
dall'annientamento totale del proprio « io »
e queste cose solamente sconfiggono il nemico di Dio.
Satana sa bene che nulla può fare...
con i figli che si immolano a Dio
e si offrono a Lui in tutto e completamente.
Ed è per questo che diventa ancora più furioso
e quando non riesce di colpire la preda ambita...
si prodiga per colpire chi gli è più vicino.
1
Conchiglia...
se solo tu potessi immaginare cosa accade
attorno alla protezione che ti abbiamo posto attorno... proveresti orrore.
Il livore di satana è estremo e tutto fa per poterti distruggere
e lo farebbe perfino per rubarCi una sola Anima
che segue queste Nostre Parole e le mette in pratica.
Il lavorìo di satana è meticoloso
e tende ad agire dove vede debolezza nei Nostri figli.
La sua malvagità non ha confini e molti sono i suoi adepti
che usa e irretisce contro i Nostri figli.
È astuto satana.
Riesce a confondere perfino molti Sacerdoti.
E sai perché ci riesce?
Perché molti sono i Sacerdoti che continuano
ad esercitare il loro ministero in peccato anche mortale.
Quando i Sacerdoti sono nel peccato...
satana gode maggiormente nel proprio odio
e neanche il suo godimento lo appaga poiché anch'esso...
non è altro che odio al massimo grado.
Non è mai soddisfatto del male che fa... satana
poiché nel male e nell'odio...
prova su di sé... e da in continuo... male e odio.
Conchiglia...
chi rimane accecato da satana lo servirà fedelmente
senza neanche se ne renda conto.
Ed in questi vostri Ultimi Tempi tu sei la preda più ambita
poiché avendo missione sacerdotale nel mondo
ti permettiamo di evangelizzare la moltitudine dei figli...
che non riescono di evangelizzare molti Sacerdoti messi assieme.
Ti diciamo questo per farti comprendere anche in minima parte
del livore che satana prova per te.
Questi giorni di tua grande sofferenza...
ci occorrono per riparare alla spensieratezza di molti Sacerdoti
che una volta chiusa la porta della loro canonica...
si estraniano da ogni incombenza
dimenticando che Sacerdoti si è in eterno
e in ogni istante della propria giornata.
Queste Parole Conchiglia...
date a te come strumento Nostro
sono soprattutto per i Nostri Sacerdoti
ed anche per molti figli scelti come strumenti
che credono di possedere la Parola di Verità.
 Abbandonati figlia alla Nostra Volontà
e sopporta ogni sofferenza con pazienza.
Siamo la Santissima Trinità.”

1  Si intende: chi è più vicino alla sua preda


24 ottobre 2003 - 05.00 - Maria Santissima

“ È con amore figlia che ti prendo per mano
e ti conduco sulla via della Volontà del Padre
poiché nessuno più di me ha mai fatto e mai farà...
la Divina Volontà del Padre.
Ti sarò guida e maestra Conchiglia...
affinché ogni cosa sia fatta bene.
Ora libera la tua mente da ogni pensiero
e libera il tuo cuore da ogni sofferenza
ed invoca ancora una volta lo Spirito Santo.
Ora Conchiglia...
cerca di guardare con i miei occhi ciò che vedo io.
Vedo tante case ordinate e linde
che nella loro modestia e nella loro semplicità sono deliziose
proprio come lo era la mia casa a Nazareth.
Sì figlia...
è così che desidera il Padre.
Che voi viviate nella semplicità e nella modestia
che è fatta di essenzialità.
Il luogo designato...
dove sorgerà il Movimento d'Amore San Juan Diego
sarà un esempio da imitare.
Ed esso sarà luogo di silenzio... meditazione...
contemplazione... adorazione... e preghiera.
Sarà una nuova comunità d'amore
dove le regole saranno date da me...
che volta per volta ti istruirò sul da farsi.
Guiderò le tue scelte poiché sarò io che sceglierò ogni cosa
e tutto sarà predisposto come è nella Volontà del Padre.
Come già ti è stato detto...
questo luogo sarà frequentato solamente
da Sacerdoti... Carismatici... e Scienziati
e sarò io a chiamare ciascuno... poiché conosco i loro cuori.
Saranno figli attenti che con amore serviranno Dio
per cooperare alla Nuova Grande Evangelizzazione.
Dio stesso... mio Figlio Gesù...
troneggerà nel Movimento d'Amore San Juan Diego
nelle specie insanguinate nel Miracolo Eucaristico
e dovrà essere esposto in un reliquiario...
finemente lavorato in legno a forma di triangolo
alla cui sommità sarà una stella in legno dorato.
L'ADORAZIONE DI MIO FIGLIO GESÙ SANGUINANTE...
AVRÀ PER IL POPOLO DEI GIORNI STABILITI DAL PADRE
CHE LUI STESSO TI COMUNICHERÀ.
Ecco Conchiglia...
poco per volta ti diremo altre cose
che rientrano tutte nella Santa e Divina Volontà.”
 



Il MIRACOLO EUCARISTICO
tra le mani consacrate del Sacerdote Don Gian Paolo Faroni
venerdì 23 maggio 2003 ore 15.00, Ostina - Firenze, Italia
 


Miracolo Eucaristico
CONCHIGLIA-MOVIMENTO D'AMORE SAN JUAN DIEGO

Il Movimento d’Amore San Juan Diego, fondato per Volere di Dio da Conchiglia, fa conoscere al mondo il Miracolo Eucaristico avvenuto venerdì 23 maggio 2003, ore 15.00, a Ostina-Firenze, nelle mani di Don Gian Paolo Faroni, Sacerdote Salesiano Don Bosco e Socio Fondatore del Movimento. Le Analisi effettuate da due Istituti di Medicina Legale in Italia, confermano che si tratta di Sangue Umano maschile, gruppo AB Rh +. Il Movimento d’Amore San Juan Diego è in possesso dei risultati delle Analisi eseguite sull’Ostia grande Consacrata dal Sacerdote Salesiano Don Gian Paolo Faroni. Dopo l’ennesimo rifiuto da parte della Santa Chiesa Cattolica Apostolica Romana, rappresentata dal Vescovo Mons. Giuseppe Orlandoni, il Miracolo Eucaristico ora appartiene per diritto a Conchiglia-Movimento d’Amore San Juan Diego.

I risultati ufficiali sono stati forniti da:

Dr. Gino De Blasi, Medico Chirurgo, Specialista in Ortopedia, Traumatologia,
Studi Centro ATIR: FIC - TIVOLI - RM

Prof. Luigi Santoro, Medico Chirurgo e Docente di Biochimica Clinica
dell’Università di Tor Vergata - ROMA

Prof. Paolo Benciolini, Dip.to di Medicina Ambientale e Sanità Pubblica
Sede di Medicina Legale e Assicurazioni, Università degli Studi di Padova

D.ssa Cristina Mazzarolo, Dip.to di Medicina Ambientale e Sanità Pubblica,
Sede di Medicina Legale e Assicurazioni, Università degli Studi di Padova

D.ssa Rosa Maria Lopparelli, Dottore in Agraria, Laboratorio di Biologia Molecolare,
Dipartimento di Sanità pubblica, Patologia Comparata
e Igiene Veterinaria dell’Università degli Studi di Padova.

Risultati ufficiali :

            Gruppo sanguigno AB Rh +
            Sangue Umano Maschile
            Sangue dello stesso tipo di quello di Lanciano e della Sacra Sindone
            Tabella Polimorfismi del DNA

I Documenti Ufficiali sono stati inviati da:
Conchiglia - Movimento d'Amore San Juan Diego ai Papi Giovanni Paolo II
e Benedetto XVI e agli esponenti dell’alta gerarchia della Chiesa Cattolica.
 


 

ORAZIONI
 

Rosario Eucaristico

da « LA RIVELAZIONE » data a Conchiglia


Io... Gesù... che dalla Trinità ti parlo
ora chiedo a tutti i Miei figli che sono Tabernacoli Viventi nel Mondo
di adorarMi con queste Parole.
Ne farò un Rosario da pregare per la Mia ADORAZIONE PERPETUA
in riparazione degli oltraggi che ricevo nelle Chiese del mondo
in riparazione delle profanazioni che fanno nel nascondimento sul Mio Corpo
in riparazione di quelli che non credono che sono Vivo e Vero e Presente
con il Corpo... Sangue... e Anima ... nella Santa Eucarestia.



Recitare Credo, Pater, 3 Ave Maria e Gloria

E poi dite:
O Trinità d'Amore... o Trinità Infinita
Io ti glorifico attraverso il mio cuore e la mia vita.


Nel primo Mistero
Io... Tabernacolo Vivente...
Ti accolgo dentro me come fece la Tua Mamma e Ti lodo e Ti adoro.

1 Pater... 10 Ave Maria... 1 Gloria...  O Trinità d’Amore...


Nel secondo Mistero
Io... Tabernacolo Vivente...
Ti accarezzo col cuore e con le labbra implorando perdono
per chi Ti oltraggia nel Santissimo Sacramento.
1 Pater... 10 Ave Maria... 1 Gloria...  O Trinità d’Amore...
 

Nel terzo Mistero
Io... Tabernacolo Vivente...
Ti porto per le strade del Mondo affinché la Benedizione Trinitaria si espanda sul Mondo.

1 Pater... 10 Ave Maria... 1 Gloria...  O Trinità d’Amore...


Nel quarto Mistero
Io... Tabernacolo Vivente...
mi espongo al Divino Volere  per far comunione perpetua con Te... mio Dio.
1 Pater... 10 Ave Maria... 1 Gloria...  O Trinità d’Amore...


Nel quinto Mistero
Io... Tabernacolo Vivente...
mi inchino avanti alla Maestà Divina poiché ha scelto me... misero peccatore...
per glorificarTi in ogni luogo del Mondo... per Tua Divina Volontà.
1 Pater... 10 Ave Maria... 1 Gloria...  O Trinità d’Amore...


Alla fine:
Salve Gesù Eucaristico...
Divino Amore, infondi nel mio cuore il perdono per il Mondo
che ancora Ti oltraggia. Salve Gesù Eucaristico... io in Te,
Tu in me, Assieme nella Trinità d'Amore.
O Vergine Maria... Madre e Regina dell'Amore Eucaristico...
prega per noi. Amen.

 

______________________

Litanie Eucaristiche

Signore pietà...
Cristo pietà
Signore pietà
Cristo ascoltaci
Cristo esaudiscici
Padre Celeste che sei Dio
Figlio Redentore del Mondo che sei Dio
Spirito Santo che sei Dio
Santa Trinità unico Dio

Gesù Eucaristico... Gloria degli Angeli e dei Santi...
Gesù Eucaristico... Immenso Amore
Gesù Eucaristico... Fiume di Grazie
Gesù Eucaristico... Fuoco dello Spirito
Gesù Eucaristico... Balsamo d'Amore
Gesù Eucaristico... Acqua che disseta
Gesù Eucaristico... Pane che nutre e dà Vita
Gesù Eucaristico... Salvezza delle Anime
Gesù Eucaristico... Premio d'Amore
Gesù Eucaristico... Ineffabile Grazia Divina
Gesù Eucaristico... Medico dei cuori affranti
Gesù Eucaristico... Padre... Amico... e Fratello
Gesù Eucaristico... Consolazione degli afflitti
Gesù Eucaristico... Maestro Paziente
Gesù Eucaristico... Figlio Redentore
Gesù Eucaristico... Sponsale Eccelso
Gesù Eucaristico... Dio degli Eserciti
Gesù Eucaristico... Verbo Incarnato
Gesù Eucaristico... Figlio di Dio fatto Uomo
Gesù Eucaristico... che porti al Paradiso
Gesù Eucaristico... Esempio d'Amore
Gesù Eucaristico... che siedi nel mio cuore
Gesù Eucaristico... Luce dell'Universo
Gesù Eucaristico... Pane Vivo del Cielo


Signore pietà
Cristo pietà
Signore pietà
Cristo ascoltaci
Cristo esaudiscici
abbi pietà di noi
abbi pietà di noi
abbi pietà di noi
abbi pietà di noi

Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro
Ti amo e Ti adoro

Preghiamo:

O Gesù Eucaristico... Divino Amore...
Tu che hai fatto di me il Tuo Tabernacolo...
rendimi degno di sostenere il Tuo Sguardo e portarTi nel mondo.
Onore... lode... e gloria a Te... o Mio Signore.
Amen.

                                                                     Gesù a Conchiglia - 31 dicembre 2001
 



 

La ruggine sta al ferro come il peccato sta all’uomo
e sia il ferro che l’uomo vanno curati con attenzione
per non essere intaccati dalla ruggine e dal peccato.
Il peccato dell’uomo ha un’origine e avrà la fine
e la selezione sulla selezione… porterà avanti nell’Umanità
l’uomo meritevole di vivere a modo di Dio.

O Padre mio… o Padre buono… ti chiedo perdono.
Ecco Conchiglia...
ed Io Gesù che dalla Trinità ti parlo
desidero dire a tutti i Miei figli e fratelli
che donerò Grazie speciali
a chi nel Sacramento della Riconciliazione
Mi invocherà in tal modo.


                                                                     Gesù a Conchiglia
 


Consacrazione del Terzo Millennio
data a Conchiglia


Io ti credo o mio Dio poiché so che mi ami.
Mai mi faresti del male poiché sono parte di Te.
Quindi mio Dio… io mi offro a te per fare la Tua Volontà
e aderisco con cuore sincero al Tuo grande Progetto d’Amore.
Sì mio Dio... desidero rinnovare i voti del mio battesimo
e rinunciare per sempre a satana.
Desidero consacrarmi a Te
per le mani della Santa Madre Maria… che è La Madre.
Desidero formare una santa famiglia
ad imitazione della Sacra Famiglia per darTi onore e gloria
poiché la Terra Rinnovata sarà formata solo da sante famiglie.
Desidero far conoscere ad altri fratelli
questo grande Progetto d’Amore
affinché questo Dono che mi hai dato a conoscere
non sia nascosto al Mondo
e possa dare altri frutti d’amore.
Desidero o mio Dio ascoltarTi
e far parte di quella sana e onesta e Santa Chiesa
Cattolica e Apostolica
e desidero unirmi alla Vergine Maria
per dire con Lei... per Lei... e in Lei:
eccomi o mio Dio... sia fatta in me la Tua Volontà.
Amen.



Preghiera per la Comunione spirituale

Recitare l’Atto di Dolore…  e poi la preghiera :

Dio Misericordioso... abbi pietà di quest'uomo che hai davanti.
Abbi pietà di quest'uomo che sbaglia in continuo.
Abbi misericordia ogni volta che vedi i miei errori
ed aiutami ad amarTi e a farmi provare contrizione perfetta
per tutti i miei peccati che Ti hanno offeso.
Dio... abbi pietà di me.
Dio... abbi misericordia di questo povero peccatore
che cerca il Tuo aiuto poiché in Te spera e confida. Amen.

                                                                     Gesù a Conchiglia
 

Gesù mio, credo che sei presente nel Santissimo Sacramento.
Ti amo sopra ogni cosa e Ti desidero nell'Anima mia.
Poiché ora non posso riceverti nella Santa Comunione,
vieni almeno spiritualmente nel mio cuore…
come già venuto, Ti abbraccio e mi unisco a Te,
non permettere mai che mi allontani da te. Amen.



Dopo la Santa Comunione Eucaristica o spirituale

Ogni volta che voi, in grazia di Dio, vi avvicinate all’Eucarestia
e la prendete tramite la bocca dentro di voi… in quel momento
il Cristo si unisce Carnalmente a voi. E Lui e voi diventate
un Corpo solo e un’Anima sola. Dio in voi… e voi in Dio.
Sublimate quell’istante con questa piccola preghiera:

O Dio Illustrissimo…
che Ti sei degnato di entrare in me per mio volere
assorbimi in Te e trasforma tutto il mio essere
a Tua Somiglianza d’Amore. Amen.

                                                                     Lo Spirito Santo a Conchiglia

 

Preghiera di Conchiglia
al Sangue Preziosissimo di Gesù

Sangue Preziosissimo di Gesù... discendi sul Santo Padre Benedetto XVI,
discendi su tutta la Santa Chiesa e sul Mondo intero.
Sangue Preziosissimo di Gesù... discendi tutti i Tuoi Figli che sono anche miei fratelli, sui miei amici e sui miei nemici, sui luoghi dove lavorano e sui luoghi dove abitano.
Con il Tuo Preziosissimo Sangue... inondali, ricoprili, toccali, guariscili nel corpo, nell'Anima, nella mente e nello spirito. Signore Gesù, benedicili Tu per intercessione di Maria Santissima Nostra Signora di Guadalupe ed io Conchiglia... umilmente mi unisco alla Vostra benedizione...
nel Nome del Padre, della Madre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.



Preghiera di Conchiglia
a Maria Santissima Nostra Signora di Guadalupe


Maria Santissima, Nostra Signora di Guadalupe, come figlia ti chiedo la Grazia di guarire i miei fratelli in Cristo se è nella Volontà di Dio. Mi unisco ad altri fratelli per supplicarti con amore di intercedere presso Tuo Figlio Gesù, affinché le Grazie di guarigione che vorrai elargire siano di esempio a tanti fratelli perché trovino sempre la forza di lottare e di sperare a Gloria di Dio Padre. Maria Santissima Nostra Signora di Guadalupe, assieme a Gesù benedici la Santa Chiesa, il Santo Padre e tutti i miei fratelli in Cristo ed io Conchiglia... umilmente mi unisco alla Vostra benedizione...
nel Nome del Padre, della Madre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.


_______________________
 

TI ADORO O CROCE SANTA

da recitarsi di fronte al Crocifisso


Ti adoro, o Croce Santa,
che fosti ornata del Corpo Sacratissimo del mio Signore,
coperta e tinta del suo Preziosissimo Sangue.
Ti adoro, mio Dio, posto in croce per me.
Ti adoro, o Croce Santa,
per amore di Colui che è il mio Signore. Amen.

 



Recitata 33 volte il Venerdì Santo, libera 33 Anime del Purgatorio,
Recitata 50 volte ogni venerdì, ne libera 5.
Antica preghiera confermata da Papa Adriano VI,
Papa Gregorio XIII e Papa Paolo VI




 

Conchiglia...
tanto cara al Cuore di Gesù e al Cuore mio
anche tu hai compreso
il valore della donazione di te stessa a me e al Figlio mio.
Siete in tanti... in questa strada santa e stretta
ma pochi... se confrontati alla moltitudine dei figli.
Conchiglia...
come Mamma voglio dire al mondo intero
che l'amore che circonda il vostro fare...
si riverserà su voi e sui vostri cari
in Grazie copiose di conversione del cuore.
Ci saranno alcuni che guariranno da gravi malattie
e anche questo è dono grande... grande... grande...
poiché il dolore del corpo ad alcuni tanto pesa
mentre ad altri pesa più... il dolore spirituale.
Anche il mio cuore è stato trafitto assieme a quello di Gesù mio Figlio
ed il mio dolore di Madre era dolore mortale...
per questo so bene cosa sia il dolore spirituale.
È vero... non si vede... ma si vive fino in fondo... e oltre e oltre
poiché mentre sopraggiunge la morte corporale...
l'Anima si libra verso il Cielo e più non soffre
mentre chi sorregge chi gli muore accanto...
continua a morire di dolore senza mai spirare.
Oh... il dolore del mio Cuore... è stato tale...
fino a fermarsi ad un tratto
ma come già mio Figlio ti ha spiegato…
il Suo fiato mia Conchiglia... l'ha risuscitato.
Sì... Conchiglia...
ripeti al mondo questo Mistero grande e meraviglioso
non importa se non ti crederanno...
poiché dovranno ben comprendere i Sapienti
che il Cuore mio e quello di Gesù mai si sono separati.
Sono stati Uniti sin dal Pensiero su di Noi da Dio Padre
sono stati Uniti nel mio grembo per Grazia Divina
e sono stati Uniti nella Morte...
anche se per pochi istanti
e figli... qui sta la Verità rivelata al mondo...
Noi... Assieme e Uniti...
vi mostreremo i Nostri Cuori Trionfanti.

                                                                    
Maria Santissima a Conchiglia
 

________________________________

Rivelazioni tratte da :
« LA RIVELAZIONE » data a Conchiglia

Opera Divina :

« Bentornato Mio Signore - Il Grande Libro della Vita »
Nuovo Testamento del Terzo Millennio - Parte Prima


Immagini tratte dal film « The Passion of the Christ » di Mel Gibson  2004 © Icon Distribution Inc.
Fotografie : Ken Duncan e Philippe Antonello





Conchiglia
                                        della Santissima Trinità

_________________________________________________
 

Il Decreto della Congregazione per la Dottrina della Fede (Acta Apostolicae Sedis - A.A.S. n°58 del 29 Dic.1966) che abroga i Canoni del Diritto Canonico 1399 e 2318, fu approvato da Sua Santità Paolo VI il 14 ottobre 1966; venne poi pubblicato per volere di Sua Santità Stessa, per cui non è più proibito divulgare senza l’Imprimatur, scritti riguardanti nuove apparizioni, rivelazioni, visioni, segni, profezie o miracoli. Non si intende in alcun modo prevenire il giudizio della Santa Chiesa Cattolica ed Apostolica.

Ezechiele 2, 3-7
Mi disse: «Figlio dell’uomo, io ti mando ai figli d’Israele, a una razza di ribelli, che si sono rivoltati contro di me. Essi e i loro padri si sono sollevati contro di me fino ad oggi. Quelli ai quali ti mando sono figli testardi e dal cuore indurito. Tu dirai loro: “Dice il Signore Dio”. Ascoltino o non ascoltino – dal momento che sono una genìa di ribelli –, sapranno almeno che un profeta si trova in mezzo a loro. Ma tu, figlio dell’uomo, non li temere, non avere paura delle loro parole. Essi saranno per te come cardi e spine e tra loro ti troverai in mezzo a scorpioni; ma tu non temere le loro parole, non t’impressionino le loro facce: sono una genìa di ribelli. Ascoltino o no – dal momento che sono una genìa di ribelli –, tu riferirai loro le mie parole.

Ezechiele 33, 7-9
Quando sentirai dalla mia bocca una parola, tu dovrai avvertirli da parte mia. Se io dico al malvagio: “Malvagio, tu morirai”, e tu non parli perché il malvagio desista dalla sua condotta, egli, il malvagio, morirà per la sua iniquità, ma della sua morte io domanderò conto a te. Ma se tu avverti il malvagio della sua condotta perché si converta ed egli non si converte dalla sua condotta, egli morirà per la sua iniquità, ma tu ti sarai salvato.

 

Ama la verità; mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi. E se la vita ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo. E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio.

                                                                                                                     
San Giuseppe Moscati

 

Conchiglia - Bentornato Mio Signore - Il Grande Libro della Vita
Movimento d’Amore San Juan Diego - Tutti i diritti Riservati - © Conchiglia della Santissima Trinità 2000-2018